Elisabetta Serafini protagonista alla Biennale d’arte contemporanea in Cina

La nostra Elisabetta Serafini, insegnante elementare di professione, artista di talento nella vita ci ha regalato in questo agosto 2019 un panorama fatto di ampi orizzonti che profuma di Oriente. Valleranese di origine la pittrice Elisabetta Serafini componeva la la delegazione del Menotti Art Festival Spoleto alla Biennale Internazionale di Arte contemporanea a DI Wuhan capitale della regione dell’Hibei, nella Cina centromeridianale La delegazione italiana del Menotti Art Festival Spoleto è stata presieduta e coordinata da Paola Biadetti. L’artista della Tuscia  ha esposto sei litografie acquarellate nelle quali sono centrali i temi del rispetto ambientale e dell’interazione uomo-natura.
Per l’occasione è stato rafforzato l’accordo culturale con la città cinese e con numerose accademie, gallerie, associazioni di artisti che hanno sede in questa metropoli, ma in particolare con gli organizzatori della Kermesse: Sonia Zhang, gallerista ed organizzatrice di eventi, Zhan Zhang docente e Presidente dell’ UIAI ( Unione Internazionale Arte e Istruzione ), ma anche con Xu Fen decano dell’Accademia di Hubei, Liu Chunbing
Segretario generale dell’Associazione Artisti dell’Hubei. Elisabetta Serafini ha esposto e spiegato l’arte contemporanea italiana alle autorità ed agli artisti cinesi. Soddisfatti ed entusiasti Luca Filipponi Presidente del Menotti Art Festival Spoleto e Paola Biadetti Direttore artistico dello Spoleto Meeting Art : ” Si è svolto un vero incontro internazionale sullo stato dell’arte contemporanea e dei suoi settori , segmenti tecniche con il coinvolgimento ed il supporto di Accademie, Gallerie, Fondazioni ed Enti di settore. Le persone e gli artisti sono stati i veri protagonisti, la Cina si è proposta come un paese aperto all’arte in un contesto molto interessante e con nuove frontiere tutte da scoprire e rappresentare”.
Appuntamento a tutti i protagonisti della Biennale cinese al Menotti Art Festival Spoleto dal 27 al 30 settembre 2019.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI