È morto Christo, l’artista che impacchettava il mondo

Dichiarazione dall’ufficio di Christo: ” Christo ha vissuto al massimo la sua vita, non solo sognando ciò che sembrava impossibile ma realizzandolo. L’opera d’arte di Christo e Jeanne-Claude hanno riunito le persone nelle esperienze condivise in tutto il mondo, e il loro lavoro continua a vivere nei nostri cuori e nei nostri ricordi

Christo e Jeanne-Claude hanno sempre chiarito che le loro opere in corso sono continuate dopo la loro morte. Per i desideri di Christo, ” L ‘ Arc de Trionfo, avvolto ” a Parigi, Francia, è ancora in pista per il 18 settembre-3 ottobre 2021.”

Christo nacque il 13 giugno 1935 a Gabrovo, Bulgaria. Lasciò la Bulgaria nel 1957, prima a Praga, in Cecoslovacchia e poi fuggì a Vienna, Austria, poi si trasferì a Ginevra, Svizzera. Nel 1958, Christo andò a Parigi, dove incontrò Jeanne-Claude Denat de Guillebon, non solo sua moglie, ma anche compagno di vita nella creazione di opere d’arte ambientali monumentali. Jeanne-Claude morì il 18 novembre 2009. Christo ha vissuto a New York per 56 anni.

Dai primi oggetti avvolti ai monumentali progetti all’aperto, l’opera di Christo e Jeanne-Claude trascendono i confini tradizionali della pittura, della scultura e dell’architettura. Alcuni dei loro lavori includevano Wrapped Coast, Little Bay a Sydney, Australia (1968-69), Valley Curtain Colorado (1970-72), Running Fence in California (1972-76), Isole Surrounded a Miami (1980-83), The Pont Neuf Wrapp a Parigi (1975-85), Gli ombrelloni in Giappone e California (1984-91), avvolto Reichstag a Berlino (1972-95), The Gates nel parco di New York (1979-2005), The Floating Piers al Lago d’Iseo (2014-16). ), e The London Mastaba sul lago Serpentine di Londra (2016-18).

L’opera d’arte temporanea di Christo a Parigi, in Francia, intitolata L ‘Arc de Trionphe, Wrapped (Progetto per Parigi, Place de l’Étoile), è prevista per il 18 settembre-3 ottobre 2021. Inoltre,la grande mostra al Centre Georges Pompidou sul lavoro di Christo e Jeanne-Claude sarà resa visibile quest’anno, dal 1 luglio al 19 ottobre 2020.

In una lettera del 1958 Christo scrisse: ” La bellezza, la scienza e l’arte trionferanno sempre. ”

Christo, uno dei più importanti artisti contemporanei, è morto domenica a New York: aveva 84 anni. Lo ha annunciato il suo account ufficiale su Facebook domenica 31 maggio sera.Christo era però anche il nome di un lungo progetto artistico, che era iniziato alcuni decenni prima con la moglie Jeanne-Claude e aveva avuto fama e ammirazione mondiali. Christo e Jeanne-Claude erano una coppia di artisti nati lo stesso giorno, il 13 giugno 1935. Lei era morta nel 2009, ma il loro progetto artistico era stato proseguito da Christo. Dagli anni Sessanta in poi Christo e Jeanne-Claude avevano realizzato stranissime e molto appariscenti installazioni in giro per il mondo: sono state tutte temporanee – costruite e poi smontate – ma ne restano foto e video.

Tra i lavori compiuti in tutto il mondo – una pagina fondamentale della storia dell’arte del XX secolo e oltre – ci sono Wrapped Coast, Little Bay a Sydney, in Australia (1968-1969), Valley Curtain in Colorado (1970-1972), Running Fence in California (1972-1976), Surrounded Islands a Miami (1980-1983), The Pont Neuf Wrapped a Parigi (1975–1985), The Umbrellas in Japan and California (1984–91), Wrapped Reichstag a Berlino (1972–95), The Gates al Central Park di New York (1979–2005), The Floating Piers sul Lago d’Iseo in Italia (2014-2016), e La London Mastaba sul Serpentine Lake di Londra (2016-2018).

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI