Debacle della Viterbese ad Avellino una sonora sconfitta

Di Valentino Cesarini

Mister Taurino

La Viterbese crolla ad Avellino con un netto e inappellabile 3-0. La squadra di Taurino resiste un tempo alla squadra campana, ma dopo il goal subito da D’Angelo al primo della ripresa, crolla senza nessuna reazione al Partenio. Un KO che alla vigilia ci si poteva aspettare vista la differenza tecnica e di classifica fra le due squadre, ma quello che preoccupa è la non reazione dei gialloblù che rimangono in piena zona playout. Mercoledi al Rocchi contro la Turris è vietato sbagliare, anche perché domenica la Viterbese sarà di scena al San Nicola di Bari!

Taurino lascia in panchina Tounkara e si affida a Rossi come terminale offensivo, con al fianco Murilo e Simonelli, mentre a centrocampo Palermo è il giocatore che dovrebbe far partire il gioco.

Il 3-5-2 di Braglia mette in difficoltà il 4-3-3 di Taurino, anche se la prima azione di cronaca è di marca Viterbese con un tiro di Murilo che termina a fil di palo. Il primo tempo è avaro di emozioni, con le due squadre che non mostrano agli spettatori un grande calcio.

Nella ripresa nemmeno il tempo di rientrare che l’Avellino si porta in vantaggio. Cross di Tito, D’Angelo svetta di testa su Mbende, superando con un colpo di testa l’ incolpevole Daga.

Dopo il goal subito la Viterbese molla la presa e crolla sotto i colpi dei padroni di casa, nonostante i cambi in corsa di mister Taurino. Al 64’ arriva il 2-0 in contropiede di Fella e nel finale timbra il cartellino anche Santaniello per il definitivo 3-0. Un KO da cancellare immediatamente, perché la classifica non permette altri passi falsi.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI