Coldiretti: Assegnate 5.056 Bandiere del Gusto, alla Tuscia Fagiolo di Gradoli Coregone del Lago

Dalla porchetta viterbese, al cece di Valentano,dal carciofo di Orte  al finocchio della maremma,dall’orzo perlato  ai tozzetti, una parte dei 409 assegnati al Lazio , stabile nella terza posizione della classifica nazionale con le Bandiere del Gusto 2018 che vede salire sul podio la Campania, seguita dalla Toscana. Lo ha reso noto  noto la Coldiretti  . Le “bandiere” – sottolinea Coldiretti – sono assegnate alle specialità censite dalle regioni che sono ottenute sul territorio nazionale secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni. A livello nazionale sono salite al numero record di 5.056 le “Bandiere del gusto” a tavola nel 2018. Un risultato – afferma Coldiretti – del lavoro di intere generazioni di agricoltori impegnati a difendere nel tempo la biodiversità sul territorio e le tradizioni alimentari.  L’Italia e il suo futuro – sono legati alla capacità di tornare a fare l’Italia anche nell’offerta turistica, imboccando intelligentemente la strada di un nuovo modello di sviluppo che trae nutrimento dai punti di forza che sono il proprio patrimonio storico ed artistico, il paesaggio e il proprio cibo. Ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “si tratta di un bene comune per l’intera collettività e di un patrimonio anche culturale che l’Italia può oggi offrire con orgoglio sul palcoscenico mondiale” L’Italia e il suo futuro sono legati alla capacità di tornare a fare l’Italia anche nell’offerta turistica, imboccando intelligentemente la strada di un nuovo modello di sviluppo che trae nutrimento dai punti di forza che – precisa Moncalvo – sono il proprio patrimonio storico ed artistico, il paesaggio e il proprio cibo.

Elaborazioni Coldiretti su dati “Elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali 2018”

 L’elenco delle bandiere regione per regione

 

https://www.coldiretti.it/wp-content/uploads/2018/07/coldiretti-bandiere-del-gusto-2018.pdf

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI