Civiter: un nuovo incontro per l’Italia di mezzo

A Palazzo dei Priori, a Viterbo, nuovo passo in avanti per CIVITER. Il sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino, quello di Rieti Simone Pietrangeli e gli assessori di Viterbo Alvaro Ricci e il collega di Terni Giorgio Armillei hanno tracciato la strada da proseguire per rendere operativa e concreta l’ottima intesa che si è raggiunta fra le varie amministrazioni comunali.

Il Comune di Civitavecchia ha proposto delle leggere modifiche al protocollo di intesa, già sottoscritto nei mesi scorsi dai comuni di Viterbo, Rieti e Terni, e ora le varie giunte andranno a deliberare in merito. A inizio 2015 è previsto un nuovo incontro fra le quattro città che si sono anche impegnate a essere portavoce delle rispettive realtà comprensoriali. L’obiettivo è quello di creare una nuova “Italia di mezzo” e riuscire a costruire insieme progetti che potranno avere sicuramente un altro appeal presso gli enti superiori e soprattutto presso l’Unione Europea, risorsa fino ad oggi poco utilizzata anche per via della carente sinergia fra le varie realtà.

Cinque principalmente le aree tematiche che interesseranno CIVITER: marketing territoriale legato soprattutto al tema delle imprese con la collaborazione delle camere di commercio; politiche di coesione nella progettazione per ottenere fondi europei; mobilità sostenibile e trasporti; urbanistica; osservatorio e carta dei territori.

“La riunione si è svolta in un clima di grande cordialità e l’interesse di tutti noi si è rivelato lo stesso: rilanciare l’Italia di mezzo grazie alla sinergia fra le varie realtà – affermano i quattro esponenti all’unisono –: vogliamo coinvolgere anche le realtà produttive come l’Autorità Portuale, Confindustria e l’Università della Tuscia per unire le eccellenze di ognuno di noi e dare una svolta occupazionale in un momento di crisi come questo. E’ intento comune far sì che si passi ben presto dalle parole ai fatti e per questo abbiamo già fissato un nuovo incontro per l’inizio del 2015: ognuno di noi nominerà un rappresentante per ciascuna macroarea affinchè i referenti comincino a lavorare e produrre risultati concreti fin da subito”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI