Tornatore rende magica la notte del Civita Cinema

Giuseppe Tornatore rende speciale la quinta giornata del Civita Cinema 2018. Il maestro è arrivato a Civita nel pomeriggio di sabato 23 giugno. Si è seduto per ascoltare l’omaggio della Movie Dream Band alle musiche di Morricone, tra di loro un sodalizio professionale ricco di capolavori, in una piazza San Donato piena di persone. Atmosfera di quelle che si respirano solo per le grandi occasioni.

Quindi il palco di piazzale Biondini, dove con i direttori artistici Vaniel Maestosi e Glauco Almonte Tornatore ha raccontato la sua storia professionale, film dopo film. Grande protagonista il rapporto tra il regista e Civita. Storia nata nel 1994, quando Tornatore ci venne portato per un sopralluogo funzionale a girare una scena per il suo ‘L’uomo delle stelle’.

“Sono arrivato qui e ho trovato un paese davvero deserto. Mi innamorai e comprai casa quel giorno stesso. La amo molto. Anche se non ci vengo più tanto spesso in realtà è qui che mi sono chiuso per scrivere tutti i miei film successivi. Oggi tanto è cambiato ma c’è ancora la magia di prima. Lo sviluppo turistico lo capisco. E’ giusto che anche gli altri vogliano amare e visitare un posto così”.

Presente l’assessore al Turismo della Regione Lazio Lorenza Bonaccorsi che insieme al sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti ha consegnato un omaggio a uno dei più grandi registi italiani. “E’ importante essere qui, accanto al sindaco, per sottolineare il grande lavoro realizzato su questo territorio sul piano della promozione turistica e per rendere omaggio al Festival e al maestro Tornatore – le parole della Bonaccorsi -. Dobbiamo continuare a far crescere questa regione insieme, ce lo meritiamo”. “La Regione Lazio è per noi un partner insostituibile – così Bigiotti -. Approfitto della presenza dell’assessore per sottolineare l’importanza dell’investimento sul cinema che stiamo portando avanti, consapevoli dei ritorni possibili. Vogliamo essere da traino per una film location per tutta la provincia di Viterbo”.

Nel pomeriggio l’incontro con il costumista Gabriele Mayer e un vero mito della comunicazione come Enrico Lucherini.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI