“Cittadinanza”, Giovanni Moro presenta il suo libro a Civita Castellana

Si terrà sabato 23 ottobre alle 16.30 il nuovo appuntamento culturale organizzato dall’associazione Giorgio La Pira.

Ospite presso la Sala Conferenze della Curia vescovile di Civita Castellana sarà lo scrittore e sociologo Giovanni Moro, che presenterà il suo ultimo libro: “Cittadinanza”.

“Scarsamente considerata fino all’inizio degli anni Novanta del secolo scorso, la cittadinanza democratica è oggi un fenomeno che suscita la massima attenzione della ricerca scientifica e della opinione pubblica. La sua riscoperta come realtà autonoma e non come prodotto secondario dello Stato si è però accompagnata alla presa d’atto di una crisi della sua funzione di dispositivo di inclusione, coesione e sviluppo delle società.

L’autore e sociologo Moro, nel testo affronta il tema della metodologia per l’ osservazione del fenomeno della cittadinanza nelle sue tre fondamentali componenti dell’appartenenza come status e come identitàdei diritti con i correlati doveri e della partecipazione. 

Del ‘modello canonico’ che abbiamo ereditato viene approfondito il contenuto, ma vengono anche registrate le difficoltà e le trasformazioni in corso”.

Aprirà i lavori l’indirizzo di saluto di Emilio Corteselli, presidente dell’associazione culturale nazionale “Giorgio La Pira”.

Il professor Giovanni Bianco, dell’Università di Sassari terrà la relazione introduttiva.

Interverranno: il prof. Carlo Bersani dell’Università di Cassino, la prof.ssa Bruna Bocchini Camaiani dell’Università di Firenze, il prof. Matteo Cosulich dell’Università di Trento, la dott.ssa Ilaria Moroni dell’Archivio storico Flamigni e il prof. Aurelio Rizzacasa dell’Università di Perugia.

Le conclusioni saranno affidate al prof. Giovanni Moro dell’Università di Roma “La Sapienza”.

Il convegno vanta il patrocinio della Fondazione “Giorgio La Pira”, dell’Accademia di studi storici “Aldo Moro”, dell’Archivio storico Flamigni, del Comune di Civita Castellana.

Info: FB Associazione culturale nazionale Giorgio La Pira

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI