Il campione Podestà alle Terme Salus “per parlare del mondo delle disabilità”

Tredici gennaio, ore 17, appuntamento alle Terme Salus “per parlare del mondo delle disabilità”. Titolo magari banale per un convegno che banale non sarà. E non soltanto perché ospiterà personaggi mediaticamente rilevanti del ciclismo, ma soprattutto perché nella circostanza si “cimenteranno” sul parterre atleti che spesso sanno sprigionare una energia interiore che i muscoli dei normodotati non riescono a sollecitare. Presenti al meeting Vittorio Podestà, campione della nazionale italiana di handbike; Mauro Cratassa campione della stessa nazionale; gli ex ciclisti Stefano Colagè, caninese doc; Massimiliano Lelli e Riccardo Magrini, oggi apprezzati commentatori della Rai e di Sky.
A presentare l’avvenimento un pezzo di Giunta Comunale: il vice sindaco Luisa Ciambella (“sarà un momento rilevante anche per dare speranza e conforto a tanti disabili”), il delegato allo Sport di Palazzo dei Priori Livio Treta (“c’è il dovere da parte dell’amministrazione di offrire pure un contributo a livello economico per atleti che stanno dando tanto a questa città”), l’organizzatrice dell’incontro delle Terme, Veronica Ruggero e il preparatore atletico, Marco Canuzzi, che spiega tecnicamente la disciplina handbike. “Si pratica con una carrozzina che si spinge con gli arti superiori….allenare questi atleti per me è motivo di grande orgoglio e di enorme soddisfazione…e poi…e poi…sono loro che danno forza a me” quasi farfuglia, alzando gli occhi al cielo mentre gli occhi si illuminano di qualche lacrima.
L’incontro del tredici pomeriggio “servirà a far conoscere il mondo della disabilità che troppo spesso ci sfugge – spiega Veronica Ruggero – e a far capire che da esso si può ripartire. Bisogna mandare un messaggio di speranza”. Dice Mauro Cratassa: “I problemi ovviamente li abbiamo già dal mattino quando ci alziamo, l’importante è organizzarsi a farsi forza. Io sono stato fermo per qualche tempo, causa un intervento chirurgico, ma tornerò presto alle “gare”. Auguri, per la vittoria che verrà.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI