Beethoven Festival Sutri, “Ricordi italiani e spagnoli per 88 tasti e 6 corde”

“Ricordi italiani e spagnoli per 88 tasti e 6 corde è il titolo dell’ottavo appuntamento in programma sabato 9 ottobre alle 18.00, chiesa di san Francesco (Sutri). Sul palco salirà il duo toscano formato dal pianista Luca Torrigiani e dal chitarrista Lapo Vannucci, che suona una chitarra costruita per lui dal liutaio giapponese Masaki Sakurai. I due acclamati interpreti eseguiranno per la XX edizione del Beethoven Festival Sutriuna serie di brani che, per autori o per ”colori”, sono dedicati all’Italia e alla Spagna, in un programma legato al presente e al passato. Nel dettaglio verranno eseguiti Deuxieme Aire dal Mosè di Rossini ( Matteo Carcassi), Variazioni sopra un Tema del Faluto Magico di Mozart, Fantasia op.145 di Castelnuovo-Tedesco, Elegia da Castillos de Espana  di Torroba, Recuerdos de la Alhambra di Tárrega, Recuerdos op.181 e Empire State Building di Teresa Procaccini, Strati di Francesco Di Fiore, Cézanne e Formentera di Bigazzi& Colonna.  I due artisti toscani, legati da una profonda amicizia e stima, si sono uniti in duo nel 2010 con l’intento di approfondire nuovi ambiti della musica in una combinazione cameristica insolita quanto ricercata, esplorando il repertorio per chitarra e pianoforte lungo l’arco di quasi tre secoli. Pubblico e critica sono concordi nel riconoscere la loro eccezionale bravura nel saper fare coesistere e dialogare sia epoche e stili lontani, sia due strumenti così diversi per caratteristiche dinamiche e timbriche. Parallelamente all’attività solistica, si esibiscono regolarmente in Italia e all’estero ricevendo ovunque apprezzamenti per la coinvolgente capacità comunicativa e per la grande cura degli impasti sonori.

L’accesso ai concerti è consentito nel rispetto
delle misure  previste  dalla normativa anti contagio da Covid 19 in vigore. È vivamente consigliata la prenotazione tramite WhatsApp (o SMS) al numero telefonico 353/3756855 oppure all’indirizzo email info@beethovenfestivalsutri.com entro le ore 12.00 del giorno del concerto.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.beethovenfestivalsutri.com

 

 

 

Lapo Vannucci, nato a Firenze nel 1988, inizia gli studi con Riccardo Bini per poi proseguirli al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze dove si diploma con il massimo dei voti e la lode con Alfonso Borghese. Con quest’ultimo frequenta il biennio di alto perfezionamento della Scuola di Musica di Fiesole e contemporaneamente segue masterclass di Arturo Tallini, Alvaro Company, Francesco Romano, Frédéric Zigante e Stefano Viola. Ha ottenuto il diploma accademico di II livello sempre col massimo dei voti e la lode e successivamente si è specializzato con Alberto Ponce e Tania Chagnot presso l’Ecole Normale de Musique de Paris “Alfred Cortot” dove ha ottenuto il Diplôme Supérieur d’exécution eil prestigioso Diplôme Supérieur de Concertiste.

Vince numerosi concorsi nazionali e internazionali (Liburni Civitas, Città di Piove di Sacco (PD), Città di Massa, Città di San Sperate (CA), Città di Asti, Mendelsshon Cup di Taurisano (LE), Rivie ra Etrusca, Città di Grosseto, Riviera della Versilia, Concorso chitarristico “Davide Lufrano Chaves”) sia da solista che in diverse formazioni da camera. È docente presso il Conservatorio “U.Giordano” di Foggia sezione staccata di Rodi Garganico e direttore artistico del Concorso Chitarristico “Giulio Rospigliosi”. Svolge un’intensa attività concertistica presso prestigiose istituzioni e festival musicali in Italia e all’estero (a Malta per il Victoria International Arts Festival, in Giappone per un tour di sedici concerti, in Germania per l’Havelländische Musikfestspiele di Berlino, per il Neckar Musikfestival di Weinsberg (Stoccarda) e per la rassegna Meisterkonzerte di Fürstenzell (Baviera), in Spagna per la celebre Fundación Andrés Segovia di Linares e per il Festival Internacional de Música S’Agaró, in Francia presso la Salle Cortot di Parigi e in diverse città della Romania: Bucarest, Onesti, Bacau, Ramnicu Valcea).

Ha eseguito in prima assoluta opere di Luigi Giachino, Francesco De Santis, Ian C. Scott, Matteo Pittino, Albino Taggeo, Giuseppe Crapisi, Teresa Procaccini e il concerto per chitarra, pianoforte e orchestra d’archi del compositore Francesco Di Fiore. Insieme al pianista Luca Torrigiani ha inciso per l’etichetta discografica Velut Luna il disco “Italian Music for Guitar and Piano”, contenente quattro prime registrazioniassolute. Suona una chitarra costruita per lui dal liutaio giapponese Masaki Sakurai.

 

Luca Torrigiani si è diplomato a pieni voti in pianoforte, organo e composizione organistica al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze sotto la guida dei Maestri Fiuzzi e Mochi, laureandosi, nel lo stesso Conservatorio con il massimo dei voti e lode, al Biennio specialistico di II livello con Daniela De Santis. Ha frequentato corsi internazionali di perfezionamento con Piernarciso Masi, diplomandosi in musica da camera presso l’accademia pianistica internazionale “Incontri col maestro” di Imola ottenendo il diploma master (massimo punteggio), perfezionandosi inoltre con Hector Moreno, Frank Wibaut, Jörg Demus. La sua carriera artistica ha inizio negli anni ’92 con una prestigiosa tournée in Giappone, che lo ha portato a suonare nelle più importanti sale concertistiche di Gifu, Nagoya e Tokyo dove ha peraltro tenuto un concerto privato in onore dellafamiglia imperiale. Da diversi anni si sta dedicando al repertorio cameristico esibendosi in numerosi concerti all’interno di importanti stagionimusicali. Ha fondato, con Davide Bandieri (1° clarinetto dell’orchestra da camera di Losanna) il duo Prevert, risultando vincitori di moltissimi primi premi in concorsi nazionali e internazionali, tra i quali: “Concorso Città di Grosseto”, “Concorso città di Casarza Ligure”, Concorso Miroirs Città di San Giuliano Terme, Concorso internazionale “Città di Pietra Ligure” e “Città di Racconigi”, Concorso Nazionale di “Ortona”, Concorso “Riviera della Versilia”, Concorso “Menicagli” a Livorno e Concorso Luigi Nono a Venaria di Torino, Concorso Città di “Montescudo”, “Fidapa” città di Pisa e Città di Manerbio (BO). Nel Marzo 2002 hanno ottenuto la menzione speciale per la miglior esecuzione di Brahms al Concorsointernazionale di musica da camera di Pinerolo. Insieme al chitarrista Lapo Vannucci e la flautista Rieko Okuma, ha dato vita al trio “Rospigliosi” che ha richiamato l’attenzione di numerosi compositori contemporanei: Teresa Procaccini, Francesco De Santis, Luigi Giachino,Francesco Di Fiore, Albino Taggeo, Matteo Pittino hanno dedicato, a questa formazione, loro composizioni. Sono stati invitati in importanti stagioni concertistiche in Italia e all’estero (Romania, Spagna, Giappone…..). Attivo anche nel campo didattico, ha insegnato presso iconservatorio di: Adria, Bari, Vibo Valentia, Trapani. Attualmente è docente di pianoforte principale presso il Conservatorio “C.Pollini” di Padova. Grazie ai numerosi successi ottenuti dai suoi allievi, è vincitore del premio della didattica in numerosi concorsi pianistici. Inoltre spesso partecipa come giurato a prestigiosi concorsi pianistici nazionali e internazionali ed è Direttore artistico dell’Associazione Cultura eMusica Rospigliosi che ormai da anni promuove uno dei concorsi strumentali nazionali di maggiore fama.

 

_______________________________
Associazione
AMICI DELLA MUSICA DI SUTRI
Via della Dodecapoli 2 – Sutri(VT) ITALY
+39.0761600760
info@beethovenfestivalsutri.com
www.beethovenfestivalsutri.com

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI