“Antologica” al Teatro dei Calanchi di Lubriano

La stagione “Teatri in movimento” curata dal Teatro Null – Iportidellateverina, continua con un concerto-spettacolo sabato 26 novembre alle ore 21,00, al Teatro dei Calanchi di Lubriano, appuntamento con il M° Fabio Barili e l’attore, regista e drammaturgo Gianni Abbate con “Antologica”. Si tratta di un concerto-spettacolo di due artisti che festeggiano la loro collaborazione lunga ben sedici anni e circa dodici produzioni realizzate insieme, iniziata con “La Tempesta” e proseguita negli anni con spettacoli memorabili.
In questa serata, oltre ad assoli musicali del M° Barili, avremo la possibilità di ascoltare Abbate recitare brani da “Naufragio con spettatori”, lo spettacolo dedicato alla fine del Titanic dove l’arroganza del progresso si viene a scontrare con il panico, il massimo del confort, per i ricchi, con la distruzione, l’automatismo con la catastrofe.
Si prosegue con “Moby Dick o gli orrori dell’abisso”, riduzione dal mitico romanzo di Melville, rivisto come un salto nel buio, nel profondo del nostro subconscio, per scuoterci dal torpore, da questa melassa che ci avviluppa, da questa incapacità ad agire e reagire, che ci tiene tutti sospesi e in ansia sull’orlo dell’abisso. Il concerto-spettacolo si conclude con brani da Leopardi@infinito.it, un Leopardi come non l’avete mai ascoltato né visto. Ascoltando i suoi versi si perde la concezione del tempo, come davanti alle onde del mare o al fuoco, e intanto gli argini della mente si polverizzano e qualcosa dilaga.
Versi umidi di luce lunare e d’incertezze infinite, che si apparentano ai vacillanti “Inni alla notte” di Novalis. La notte ci riporta a noi stessi, ma oggi non è più così. La notte è divenuta la moltiplicazione del giorno, un mezzogiorno scuro che non permette né pause, né isolamenti, né svelamenti. Il tutto con chitarra elettrica, archetto elettronico ed effetti sintetizzati, che ci rimandano a quegli spazi infiniti e a quelle atmosfere tanto care a Leopardi. Info e prenotazioni 3471103270 – e mail:iportidellatevrina.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI