All’Arci: Giovanni e Nori. Una Storia di amore e di Resistenza

Giovanni e Nori

L’appuntamento è per sabato 27 dicembre 2014, ore 19,00 allo Spazio Arci Il Cosmonauta via della Polveriera, 6, quartiere Pianoscarano, Viterbo. 

Il Comitato provinciale Anpi saluta l’anno assieme a  DANIELE BIACCHESSI che, per l’occasione, presenta il suo ultimo libro 

GIOVANNI e NORI

Una Storia di amore e di Resistenza 

(Roma – Bari, Laterza, 2014, pp. 184)

A seguire Cena sociale con brindisi

Giovanni Pesce, nomi di battaglia Ivaldi e Visone. Onorina Brambilla Pesce, detta Nori, nome di battaglia Sandra. Due vite unite dalla passione politica e dall’amore. Una storia nella Storia. Giovanni Pesce, comandante partigiano responsabile dei Gap di Torino e di Milano, è stato un protagonista della Resistenza e della Liberazione. Giovanissimo ha aderito al Partito comunista e combattuto nelle Brigate internazionali contro Franco. Tornato in Italia, è catturato e mandato al confino. Per lui, giovane proletario emigrato con poca cultura, l’incontro a Ventotene con il fior fiore dell’antifascismo diventa fondamentale. Liberato intorno all’estate del 1943, dopo l’arresto di Mussolini e l’armistizio dell’8 settembre, inizia la clandestinità, prima a Torino, poi a Milano. Per Giovanni, primula rossa dell’antifascismo italiano, saranno mesi di azioni militari avventurose, leggendarie, coraggiose, drammatiche. Proprio nella Milano occupata dai nazisti, stremata, affamata, disseminata di luoghi dell’orrore, avviene l’incontro di una vita: i due partigiani Giovanni e Nori si conoscono, si innamorano e non si lasciano più. Le loro vite si intrecciano indissolubilmente con la lotta antifascista: i Gap colpiscono, attaccano e fanno azioni di guerriglia, i tedeschi arrestano, torturano, uccidono. Nella città crocevia di spie e delatori al servizio del nemico, Nori cade in un’imboscata e viene deportata. È l’ultima separazione perché insieme, Giovanni e Nori, rimarranno tutta la vita, condividendo e facendo sulla propria pelle la storia di quegli anni.

Daniele Biacchessi (1957), giornalista, performer e scrittore milanese, tra la ricerca storica e l‘inchiesta. Caporedattore di Radio24-Il Sole24ore. Ha all’attivo decine di pubblicazioni tra monografie, documentari e spettacoli, inerenti la memoria storica, nella fattispecie Antifascismo, Resistenza e Anni di piombo, e la scottante attualità, che gli sono valsi diversi premi e riconoscimenti.  

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI