Al Teatro Lea Padovani parte la nuova stagione teatrale, nel 2020 i 100 anni di Lea

Dal 10 ottobre il via alla campagna abbonamenti del teatro di Montalto di Castro che porta il nome di una grande attrice Lea Padovani che a Montalto era nata e nel 2020 si celebreranno i 100 anni dalla nascita . L’assessorato alla cultura del comune di Montalto di Castro annuncia la nuova stagione teatrale 2019/2020.
Un ricco programma quello annunciato dal comune di Montalto di Castro di spettacoli in cui spazia dalla prosa, alla musica, ai comici, alla danza e due appuntamenti con il teatro sociale.
Si parte con sabato 12 ottobre con la prima nazionale dello spettacolo “Piantando chiodi nel pavimento con la fronte” per la regia di Pino Quartullo con Paolo sabato alle 21 e domenica 13 in pomeridiana alle 18.00. Per la stagione di prosa arriveranno grandi nomi del panorama italiano: da Massimiliano Gallo e Stefania Rocca in “Il silenzio grande” per la regia di Alessandro Gassmann; Roberto Ciufoli con un classico delle festività natalizie in “A Christmas Carol”; Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi in “Donchisci@tte”. Per la prima volta al Padovani Ettore Bassi e Simona Cavallari in “Mi amavi ancora…”; Romina Mondello e Fabio Sartor in “Giro di vite” ed Enzo Iacchetti e Pino Quartullo in “Hollywood Burger”.
Sul palcoscenico anche grandi comici, da Biagio Izzo ad Angela Finocchiaro ed un fantastico trio tutto al femminile con Maria Grazia Cucinotta, Michela Andreozzi e Vittoria Belvedere in “Figlie di Eva”. Per le famiglie l’immancabile appuntamento con la rassegna “A teatro con mamma e papà” in cui le avventure di “Kirikù un eroe piccolo piccolo”, la magia de “La fabbrica dei sogni” e la comicità delle gags clownesche del “Circo malandrino” faranno vivere momenti di puro divertimento a grandi e piccoli. er gli amanti del cinema torneranno gli appuntamenti con le proiezioni cinematografiche del “Cinema al Teatro” ogni terza domenica del mese.
La stagione teatrale è realizzata dal Comune di Montalto di Castro con la collaborazione di Atcl, Regione Lazio e Mibac.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI