Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, tutti gli eventi nella Tuscia

Donatella Agostini

Il 25 novembre è una giornata contro un’ingiustizia. Quella, gigantesca e inaccettabile, che vede gli uomini di ogni tempo accanirsi con ogni mezzo contro il sesso femminile. Attraverso la violenza fisica, che sfocia spesso e purtroppo nei femminicidi di cronaca, le molestie, la violenza verbale, psicologica, sul web, per arrivare alla disparità di trattamento lavorativo ed economico che ancora esiste tra uomini e donne in molti settori della vita pubblica, culturale e politica. Nel 1999 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto la data del 25 novembre come giornata internazionale peer l’eliminazione della violenza contro le donne, invitando tutti i governi a organizzare attività per sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica. Molte le iniziative organizzate in Italia, paese in cui nel 2013 si è arrivati alla cifra impressionante di 179 cosiddetti femminicidi, al ritmo di uno ogni due giorni: al momento le cifre sono fortunatamente in calo, ma la strada da fare è ancora lunga.

La Asl, la Prefettura di Viterbo e 29 amministrazioni comunali della Tuscia (Ronciglione, Barbarano Romano, Blera, Bagnoregio, Canepina, Capranica, Carbognano, Civita Castellana, Gradoli, Monte Romano, Nepi, Soriano nel Cimino, Viterbo, Farnese, Montefiascone, Vallerano, San Lorenzo Nuovo, Montalto di Castro, Tarquinia, Celleno, Acquapendente, Bassano Romano, Tuscania, Caprarola, Bolsena, Fabrica di Roma, Sutri, Vetralla e Valentano) si uniscono per lanciare un messaggio forte contro ogni forma di violenza di genere. Per sabato 25 novembre la Asl di Viterbo ha promosso infatti una campagna di comunicazione e di sensibilizzazione, in collaborazione con numerose istituzioni locali, per far conoscere il percorso di assistenza e di aiuto “Non aver paura”, recentemente istituito, che accoglie le donne vittime di violenza, abusi e maltrattamenti. Il servizio prevede l’accoglienza dal momento dell’accesso in ospedale, in uno spazio discreto e riservato,la presa in carico da parte di un’equipe multidisciplinare fino alla dimissione e alla successiva attivazione delle risorse territoriali, con la pianificazione di un progetto individuale di intervento. Tra gli obiettivi dell’iniziativa, la promozione del Punto di Ascolto, una linea telefonica dedicata e operativa tutti i giorni compresi i festivi. A rispondere personale qualificato, pronto ad ascoltare e ad indirizzare la donna, rispettando i suoi bisogni e i suoi tempi, che la possa aiutare ad uscire definitivamente dalla spirale di violenza. Il numero del Punto di Ascolto è 334.0522417. il numero dedicato è uno dei tre punti di accesso al percorso, oltre allo sportello presente al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Belcolle e ai consultori familiari.

Il comune di Montalto di Castro ha inoltre aderito alla manifestazione “Noi abbiamo un piano”, che si svolgerà a Roma sabato 25 novembre. Organizzata dalle associazioni femminili e femministe riunite sotto lo slogan “Non una di meno”, partirà alle ore 14 a piazza della Repubblica, per il grande corteo che vedrà la partecipazione di donne di tutta Italia. Il comune di Montalto ha predisposto un pullman. L’appuntamento al pullman è a Piazza San Sisto, alle ore 11.30.

Tarquinia ha organizzato due giorni di incontri e di dibattiti intitolati “STOP: questo non è amore. La violenza contro le donne una sconfitta per tutti”. Sabato 25 novembre alle ore 16.00, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, nella sala consiliare del Palazzo Comunale si terrà un convegno moderato da Isabella Rauti, Presidente dell’associazione Hands off Women; interverranno al dibattito la giornalista Adriana Pannittieri che presenterà il suo ultimo libro “Cronaca di un delitto annunciato”, gli avvocati Federica Mondani e Rosa Valentino, la psicologa Sara Erba di Vaio, l’ispettore di P.S. Vita D’Angelo ed il Comandante dei Carabinieri della stazione di Tarquinia Stefano Girelli. L’attrice Fioretta Mari interpreterà brani in tema e, in collaborazione con il maestro di danza Tonino Natali, le ragazze della scuola “Balletto Città di Tarquinia” si esibiranno in una performance all’interno della consiliare. Partirà da Piazza Matteotti un corteo che sfilerà per il corso Vittorio Emaniele fino a raggiungere Piazza Duomo dove la coreografa Laura Brizi coinvolgerà i partecipanti in un originale flash mob.

A Civita Castellana, sabato 25 novembre a partire dalle ore 11.30, presso il Centro Commerciale Marcantoni, l’associazione Mafalda e le Altre, che si batte da alcuni anni per uno stop definitivo ai maltrattamenti e ai soprusi ai danni del genere femminile, promuoverà la realizzazione di un murale a tema. La parete esterna del Museo della Ceramica verrà decorata con sagome femminili che si tengono per mano, a significare il fermo rifiuto contro la violenza e i femminicidi. Il titolo del murale sarà “Insieme contro la violenza”. Nel pomeriggio, presso le sale espositive del museo, verrà proiettato il cortometraggio “Uccisa in attesa di giudizio”, che verrà seguito da un dibattito alla presenza dell’avvocato Daniela Piunti.

Il Comune di Vitorchiano al fine di sensibilizzare i propri concittadini promuove e sostiene l’iniziativa illuminando di rosso il Palazzo Comunale, perché non passi inosservata l’importanza di questa giornata e del suo significato.

A Viterbo, presso la Libreria dei Salici in via Cairoli, sabato 25 novembre verrà presentato il libro “Non è colpa mia – Voci di uomini che hanno ucciso le donne”, con l’intervento delle due autrici Lucia Magionami e Vanna Ugolini.
Alla Libreria Etruria di via Matteotti, venerdì 24 novembre incontro “Saperi di genere” con l’associazione Parva casa delle donne.
Sempre a Viterbo sabato 25 novembre alla Sala della Provincia in via Saffi 49, ore 10.00 con associazione Erinna Le donne incontrano le donne con lo slogan “Contro la violenza maschile sulle donne , abbiamo un Piano”.

Foto di Associazione Erinna

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI