14.3 C
Viterbo
martedì, ottobre 26, 2021
Home Sport Calcio Viterbese da ...

Viterbese da horror. Anche il Grosseto passa al Rocchi, finisce 1-0

di Valentino Cesarini

 VITERBESE (4-3-3): Bisogno; Pavlev, D’Ambrosio, Van Der Velden Urso; Calcagni (14′ st Alberico), Foglia (32′ st Volpe), Adopo; Volpicelli (14′ st Simonelli), Murilo, Capanni (25′ st Tassi).

A disposizione: Daga, Fracassini, Errico, D’Uffizi, Ricchi, Natale, Zanon, Marenco.

Allenatore: Raffaele.

GROSSETO (4-3-1-2): Barosi, Raimo, Siniega, Ciolli, Semeraro; Piccoli (24′ st Vrdoljak), Fratini (36′ st Salvi), Serena; De Silvestro (16′ st Ghisolfi); Moscati (36′ st Arras), Dell’Agnello (24′ st Artioli).

A disposizione: Di Bonito, Marigosu,  Verducci, Biancon.

Allenatore: Magrini.

Arbitro: Ermes Fabrizio Cavaliere della sezione di Paola; assistenti Sigg. Mirco Carpi Melchiorre della sezione di Orvieto e Andrea Torresan della sezione di Bassano del Grappa; Quarto Uomo Sig. Domenico Mirabella della sezione di Napoli.

Marcatori: 29′ st Fratini

Note: angoli: 6-2 per il Grosseto; ammoniti: Raimo, Dell’Agnello, Adopo, Pavlev, Fratini; recuperi: 0’ pt; 5’ st.

 

Viterbo.Una Viterbese brutta cade anche contro il Grosseto. Al Rocchi la squadra di Magrini espugna Viterbo per 1 a 0 grazie alla rete di Fratini al 28’ della ripresa. Secondo successo per i toscani nella città dei Papi in sette incontri. Vittoria a Viterbo che mancava dal 13 febbraio 1977 quando all’epoca terminò con lo stesso punteggio di oggi: 1-0 con rete di Castronovo a nove minuti dal termine.

Classifica che fa paura e che parla chiaro. Viterbese ultima con solo 3 punti conquistati in otto gare. Serve un cambio di marcia, altrimenti sarà una stagione veramente da incubo.

Il nuovo mister gialloblu Raffaele opta per il 4-3-3, con Capanni terminale offensivo, supportato da Murilo e Volpicelli, con Simonelli che parte dalla panchina. A centrocampo spazio a Foglia e Adopo, mentre in difesa D’Ambrosio è affiancato dall’olandese Van Der Velden.

Parte meglio il Grosseto che dopo dieci minuti sfiora il vantaggio con un colpo di testa di Dell’Agnello che si stampa sul palo. La Viterbese sembra essere assente, tanti errori in fase d’impostazione e pochissimo mordente dal centrocampo in su.

Il match è avaro di emozioni anche perché la posta in palio è altissima per entrambe le compagini. Il primo tiro della Viterbese arriva alla mezzora con Capanni, ma Barosi è bravo a dire di no sulla conclusione dell’attaccante scuola Milan. Prima del riposo, Grosseto ancora pericoloso con uno spettacolare colpo di tacco di Moscati che però non inquadra lo specchio della porta.

Ripresa che si apre sulla falsa riga del primo tempo. Dopo 5’ è bravissimo Luca Bisogno a dire di no sulla conclusione potente ma centrale di Ciolli dall’interno dell’area. Mister Raffaele prova a dare una svolta al match inserendo Simonelli e Alberico per Volpicelli e Calcagni, mentre il Grosseto risponde con Ghisolfi per De Silvestro. Proteste del Grosseto per un fallo in area ai danni di Moscati, ma il direttore di gara lascia proseguire, giustamente, fra le proteste della panchina ospite.

Al 28’ l’episodio che sblocca il match. Emiliano Fratini, classe 1997, lascia partire un bolide dalla distanza che entra in rete alle spalle di Bisogno, dopo aver colpito il palo. Primo goal fra i professionisti per il centrocampista del Grosseto. Azione del goal che però è viziata da un fallo ai danni di Alberico, con il direttore di gara che però non interviene.

Raffaele si gioca la carta Michele Volpe per tentare il tutto per tutto. A nove minuti dal termine, Viterbese vicinissima al pareggio con un colpo di testa di Simonelli, ma Barosi è straordinario a negare la gioia del goal al capitano. Il forcing dei locali è tanto, ma Urso al 40’ di testa da ottima posizione spedisce a lato.

Nonostante i cinque minuti di recupero la Viterbese non riesce più a rendersi pericolosa dalle parti di Barosi. Finisce con i tifosi toscani in festa, mentre per la Viterbese sono fischi sonori e una classifica che fa veramente paura.

Foto di Max Luziatelli

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI