Un benvenuto a tutti dalle Thermae Oasis, terzo polo termale di Viterbo

di Luciano Costantini

Un taglio netto al bel nastro rosso, un colore scelto magari anche per scaramanzia, e scatta l’apertura delle Thermae Oasis, terzo polo termale di Viterbo, sito alla confluenza tra la statale Cassia Nord e la strada Verentana. Sono trascorse da poco le sei del pomeriggio e il sindaco, Giovanni Arena, assesta la sforbiciata che inaugura la nuova attività e, naturalmente, la stagione. Il parterre, al limitare della piscina, pullula di decine di invitati: dal prefetto al vescovo, dal sindaco a tanti politici di vario rango, di destra, di sinistra, di centro. E poi il presidente della Camera di Commercio e imprenditori. A fare gli onori di casa, il proprietario del nuovo complesso termale, Fernando Barberini, che, in realtà, è troppo emozionato per dilungarsi in presentazioni da classico cerimoniale: “Un benvenuto a tutti”. Soltanto il primo cittadino aggiunge qualcosa in più: “Sono orgoglioso di presenziare alla riapertura di questo impianto dopo tanti e tanti anni. Ora Viterbo oltre che vantare l’aria più pulita tra i capoluoghi italiani, può vantare anche l’acqua migliore. Ne dobbiamo essere tutti orgogliosi”. In effetti l‘acqua della Thermae Oasis – come sottolinea Barberini – è stata giudicata dagli esperti come la più naturale della zona in quanto arriva in vasca direttamente dalla sorgente e dunque ha un grande vantaggio anche dal punto di vista della inalazione dei fumi. L’impianto aprirà ufficialmente l’attività questa mattina. Un’ampia piscina, un prato altrettanto ampio, una sala relax per il dopo bagno, un servizio di ristorazione rapida. “Per adesso – spiega il patron – siamo soddisfatti di aver ridato vita a questa struttura, ma abbiamo altri progetti di ampliamento. Ovviamente, dipenderà dalla risposta che avremo”.

www.thermaoasi.com

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI