Rischio coronavirus, necessario l’aggiornamento del manuale HACCP

Nel rispetto del nuovo D.C.P.M. 11/03/2020 e successive disposizioni riguardanti il COVID-19, che riporta misure urgenti per il contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale, ricordiamo che sono sospese per decreto governativo le attività ed i servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, pub), ad eccezione delle attività che effettuano delivery e per cui dal 4 maggio sarà consentito l’asporto.

Per le imprese che continuano l’attività su ordinazione e consegna a domicilio dei propri prodotti alimentari, l’Ufficio Ambiente e Sicurezza di Confartigianato Imprese di Viterbo ricordare che è fondamentale aggiornare e integrare il proprio manuale di autocontrollo HACCP in riferimento al rischio da COVID-19.

Sarà quindi necessario riorganizzare, oltre che l’insieme delle fasi lavorative del proprio ciclo produttivo, anche le fasi riguardanti le modalità di vendita, di trasporto e di distribuzione verso il cliente dei prodotti alimentari.

Nel dettaglio si è subordinati ad implementare il manuale di Autocontrollo aziendale HACCP attraverso specifiche procedure, qui di seguito riportate e non esaustive, riguardanti:

  • la modalità di confezionamento;
  • la modalità di trasporto e/o dalla dotazione adeguata di strumentazione (impiego di mezzi o contenitori isotermici o similari appropriati in base alla tipologia di alimento che sia in regime di freddo che in regime di caldo);
  • la modalità di trasmissione delle informazioni al consumatore circa la presenza di ingredienti e allergeni per ogni pietanza predisposta;
  • l’implementazione di sanificazione degli ambienti e delle attrezzature, le modalità di pulizia ed i prodotti utilizzati;
  • l’implementazione di istruzioni operative rivolte ai lavoratori ed addetti riguardo l’igiene da eseguire durante la fasi di preparazione e consegna degli alimenti

La documentazione elaborata secondo le procedure del sistema di autocontrollo HACCP e secondo il recepimento delle procedure in riferimento alla prevenzione e protezione da COVID – 19, oltre a costituire uno standard condiviso dal personale dell’impresa alimentare, è anche e soprattutto strumento fondamentale per garantire ai clienti l’adozione di tutte le misure tecnico – organizzative per la prevenzione dei possibili rischi igienico-sanitari connessi all’attività aziendale esercitata dal rischio biologico scaturito dal Coronavirus.

Haccp, acrononimo di Hazard Analysis and Critical Control Point, è il principio base su cui costruire il sistema aziendale di sicurezza degli alimenti, ovvero un piano per la gestione e riduzione dei rischi derivante da una specifica analisi dei pericoli (hazard analysis).

L’ufficio Ambiente e Sicurezza informa che il manuale di autocontrollo HACCP deve ormai analizzare obbligatoriamente il rischio coronavirus nel luogo di lavoro, operando di concerto con il documento di valutazione del rischio a seguito della diffusione del coronavirus (COVID-19) su tutto il territorio nazionale, per la parte luogo di lavoro secondo il protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro del 14 Marzo 2020.

Confartigianato Imprese di Viterbo è a disposizione delle imprese per gli aggiornamenti al piano di autocontrollo HACCP al fine di adeguare le attività alle normative igienico-sanitarie di settore per la gestione dell’emergenza da COViD- 19.

 

Info: 0761-337942, elisa.migliorelli@confartigianato.vt.it

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI