Podcast, il lockdown fa crescere gli ascolti e sperimentare nuove serie

Il lockdown dovuto all’epidemia di Covid-19 fa crescere gli ascolti di podcast, ma anche le nuove produzioni indipendenti.Voxnest è la  società madre della piattaforma per la produzione e diffusione di contenuti audio Spreaker.

Il dato significativo rilevante, spiegano da Voxnest, è l’elevato aumento nella creazione di podcast che si è verificato in coincidenza con il periodo di quarantena.Cresce anche in Italia l’interesse verso il mondo dei podcast, le trasmissioni radio diffuse via internet e scaricabili o archiviabili sui nostri dispositivi.Già a inizio febbraio la creazione di nuove serie su Spreaker (intese come interi show completi di episodi) registrava un andamento in crescita costante: ma a partire dal 3 marzo e con un picco interessante attorno alla metà del mese, quando ormai l’intero paese era in lockdown, i nuovi podcast sono cresciuti di oltre il 700% nella categoria Tempo Libero e di oltre il 600% in quella Educazione, complice l’obbligo di seguire le lezioni da casa. Una crescita analoga, anche se su numeri inferiori, l’hanno avuta anche la categoria Società e Cultura (quasi 600%), Arte (500%) e Libri (ovvero, show su letture, consigli, commenti ecc.) che arriva ad una crescita di oltre il 400% rispetto al mese di febbraio.Il podcast, per la sua modalità diretta e la sua capacità di creare una relazione informale e intima con chi ascolta, si presta particolarmente ad essere lo strumento di comunicazione più ‘studiato’ durante queste settimane di lockdown ed i dati in crescita ne sono la riprova.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI