Parte il “Contamination Lab Tuscia” per idee e progetti innovativi

Parte il Contamination Lab Tuscia (CLab Tuscia), il laboratorio creato da Lazio Innova in collaborazione con i dipartimenti dell’Università degli Studi della Tuscia per sviluppare idee e progetti imprenditoriali innovativi con il supporto dei tutor e mentor dello Spazio Attivo di Viterbo della Regione Lazio.

L’iniziativa si rivolge a studenti universitari, docenti, ricercatori, creativi, professionisti e startupper.

Il percorso, della durata di circa 3 mesi, alterna workshop sull’imprenditorialità e sulla definizione del modello di business ad incontri specialistici di tutoring e mentoring. In particolare, il CLab è organizzato in tre fasi: la prima parte del percorso formativo è finalizzata alla costituzione del team e alla generazione dell’idea imprenditoriale; la seconda prevede la validazione del progetto; infine una serie di attività formative, forniranno ai partecipanti indicazioni e strumenti utili per la presentazione finale (pitch).

La finalità del CLab è aiutare i giovani ad acquisire le capacità necessarie a comprendere il potenziale di mercato di un progetto innovativo, per svilupparlo e presentarlo in modo efficace.

Per fare domanda c’è tempo fino al 10 gennaio 2019.

Al termine del percorso, che si terrà indicativamente da febbraio a maggio, al miglior team e progetto verrà riconosciuto da Lazio Innova un premio di 5.000 euro; ai 3 team con le migliori idee di impresa verrà offerto inoltre un periodo di preincubazione (6 mesi) e di incubazione gratuita (12 mesi) presso lo Spazio Attivo di Viterbo, qualora intendano creare una startup.

Gli studenti iscritti presso uno dei dipartimenti DAFNE, DEB, DEIM, DIBAF e DISUCOM dell’Università degli Studi della Tuscia che avranno concluso positivamente il percorso formativo, potranno ottenere 2 CFU (Credito Formativo Universitario) dal rispettivo dipartimento di appartenenza.

Per maggiori informazioni: http://www.lazioinnova.it/news/al-via-il-contamination-lab-tuscia-clab-tuscia/

www.lazioinnova.it

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI