Merlani: “Con la valorizzazione della Via Francigena siamo sulla buona strada”

Oltre 500 presenze, 120 chilometri percorsi a piedi e a cavallo in 7 giorni, 10 Comuni attraversati: sono alcuni dati della seconda edizione di CamminainTuscia, l’iniziativa della Camera di Commercio Viterbo che dal 4 al 10 ottobre ha ripercorso l’antico cammino dei pellegrini sulla Via Francigena.

A essere toccati sono stati i Comuni di Proceno, Acquapendente, San Lorenzo Nuovo, Bolsena, Montefiascone, Viterbo, Vetralla, Capranica, Sutri e Monterosi tra bellezze naturalistiche, borghi suggestivi, prelibatezze enogastronomiche e antiche tradizioni prima del trasferimento con la navetta a Roma, in piazza San Pietro, mercoledì 11 ottobre per l’Udienza di Papa Francesco.

“Sono molto soddisfatto – dichiara Domenico Merlani, presidente dell’Ente camerale – per le tante risposte positive che abbiamo ricevuto: da sindaci e Amministrazioni comunali che hanno saputo cogliere lo spirito della manifestazione e hanno predisposto un’ottima accoglienza dei partecipanti; dalle proficue collaborazioni con i volontari di Cai Viterbo, Fitetrec-Ante e Misericordia di Viterbo, che hanno accompagnato i partecipanti lungo il percorso; dagli operatori turistici, tra cui strutture ricettive e tour operator che hanno promosso e offerto servizi ad hoc agli iscritti; dall’entusiasmo dei partecipanti, molti dei quali provenienti dalle altre province del Lazio e da Lombardia, Campania e Toscana; dagli iscritti locali che hanno saputo cogliere questa opportunità per conoscere in modo insolito il territorio e vivere anche solo per qualche tappa l’esperienza dei viandanti di un tempo. Tutte indicazioni che stanno a confermare come attraverso la valorizzazione della Via Francigena siamo sulla buona strada per promuovere l’offerta di turismo lento, sempre più richiesta e che ben si presta per il nostro territorio”.

Tra le novità dell’edizione di quest’anno la presenza per diverse tappe di una significativa rappresentanza di giovani provenienti da Paesi africani e asiatici, aventi lo status di rifugiati o in fase di riconoscimento, che hanno voluto condividere un tratto del cammino e partecipare agli eventi culturali ed enogastronomici in un’ottica di conoscenza del territorio e di integrazione. Inoltre sono già numerosi i partecipanti alla seconda edizione di Camminaintuscia che hanno preannunciato la loro iscrizioni al concorso fotografico che mette in palio premi in prodotti tipici forniti da alcune aziende a Marchio Tuscia Viterbese: CCORAV (legumi e patate); Coopernocciole (nocciole e semilavorati a base di nocciole); Fattoria Cupidi (uova biologiche), Frantoio Tuscus (olio extravergine di oliva Dop Tuscia); Il Marrugio (prodotti a base di porcocignale); Lamponi dei Cimini (prodotti a base di lamponi); L’Olivaia (olio extravergine di oliva Dop Tuscia); Oleificio Sociale Cooperativo di Canino (olio extravergine di oliva Dop Canino); Enoteca provinciale Tuscia (vini).

Ricordiamo che CamminainTuscia ha il patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene e di Unioncamere Lazio. Inoltre è stata inserita nel programma 2017 delle iniziative di Cammina CAI.

Per ulteriori informazioni: www.tusciawelcome.it

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI