Libriliberi: il piacere di leggere ad alta voce

Ultima tappa a Lubriano, presso il Teatro dei Calanchi, per il progetto LIbriLiberi, con abbinato il seminario “Libera la Voce”, proposto dall’Officina culturale della Regione Lazio I porti della Teverina. “Perché oggi è importante leggere?” – dice Gianni Abbate curatore del progetto – “La vita di tutti i giorni è profondamente mutata, con ritmi sempre più sfrenati e la lettura è stata messa a un po’ alla volta da parte. Io ritengo che questo sia uno degli errori più grandi della società attuale, perché un libro è una fonte di arricchimento non solo culturale, ma anche intellettuale, sociale, etico e morale.

Antonio Tabucchi ha scritto: La letteratura può essere il mezzo per caricare di senso una cosa di per sé insensata come l’esistenza. Ci sono libri che rimangono per sempre dentro te, costituiscono non solo il tuo bagaglio culturale, ma anche emotivo e sociale. Allora salviamo i libri dall’oblio. I nostri incontri di lettura, da due ore ciascuno, spaziano dai classici ai giorni nostri proponendo pagine memorabili e comprendono anche un corso sulle tecniche di lettura ad alta voce. Scopriremo la nostra voce e le sue potenzialità. Riscopriremo il puro suono della parola, per stimolare il piacere di leggere ad alta voce e impareremo così come rendere affascinante e coinvolgente la lettura di un racconto, una poesia, una favola, una relazione.”.

Tutto questo presso il Teatro dei Calanchi di Lubriano il 2, 3 e 4 dicembre,  dalle ore 16,00 alle 18,00. Il costo dei tre incontri con seminario è di € 15,00. Sarà rilasciato un attestato di frequenza. 

Info e prenotazioni: 3471103270 – 3480306158.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI