La Viterbese soffre ma di cuore batte il Sora:3 a 1

Foto di Antonio Frosolini

VITERBESE: (4-4-2)Zonfrilli, Perocchi, Tuniz, Scardala, Gimmelli, Nuvoli,Giurato, Giannone, Saraniti, Neglia, Pippi.
In panchina: Coretti, Pingitore, Pacciardi, Varricchio, Assenzio, Costalunga, Fanasca, Morini,Faenzi
Allenatore. Maurizio Ianni
SORA:(4-4-2) Frasca, Anastasio, Cardazzi, Cataldi, Berardi, Bellucci, De Marco, Cruz Da Silveira, Cestrone, Pagni, De Bruno
In panchina:Santarelli, Lombardo, Blandino, Simoncelli, Barigelli, Soudant, Lilla
Allenatore. Luigi Castiello
Arbitro: Zingarelli DI Siena
25° giornata serie D, girone,G, I gialloblù ospitano i bianconeri del Sora con l’intento di tornare a vincere. I leoni si giocano l’ultima chance per mantenere viva la speranza di promozione in Lega Pro. Dopo Gregori e Ferazzoli è stato il giorno del debutto del nuovo Mister Maurizio Ianni, ad appena una settimana dal suo arrivo, ha chiesto alla squadra carattere, voglia di vincere, sacrificio. E così è stato. Il Sora, decima in posizione di classifica, ha dimostrato anch’essa frenesia di vincere e controllo del gioco. Una partita sorniona nel primo tempo quella giocata oggi al Rocchi, che si apre al 17° con un goal messo a tiro da Saraniti, lancio lungo da metà campo, seguito da un botta e risposta del Sora che con Cruz su calcio di punizione va al pareggio. La situazione ritorna a favore dei gialloblù al 37° con Neglia, che porta la seconda palla in rete. Il primo tempo si chiude con il 2 a 1 per i padroni di casa. Fin dalle prime battute del secondo tempo è chiara la voglia di rimonta del Sora, che al 78° di gioco può approfittare di un calcio di rigore provocato da Gimmelli a danno di Soudant, che s’incarica della battuta ma Zonfrilli lo respinge e la difesa rinvia, salvando il risultato. Lo stopper gialloblù viene espulso per somma di ammonizioni e la Viterbese resta in inferiorità numerica a sostenere la pressione dell’avversaria, che rimarrà agguerrita sino alla fine. La Viterbese soffre, ma non dandosi per vinta approfitta al 49° di una azione costruita in contropiede dal mitico Saraniti che serve Morini, il quale di sinistro piazza in rete. Finisce 3 a 1 per i gialloblù, che restano secondi a 9 lunghezze di distanza dalla Lupa Castelli, che ha giocato in anticipo ieri con il penultimo Terracina facendone bagno di sangue con 7 goal centrati a fronte di uno subito e continua a restare in vetta alla classifica con un bottino di 62 punti. Prossimo turno Astrea Viterbese, sempre mettendocela tutta.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI