ItaliaNostra Lazio aderisce alla Marcia Mondiale per il Clima

“Non si può aspettare oltre. Le emergenze ambientali sono sotto gli
occhi di tutti: carenza idrica, innalzamento delle temperature,
inquinamento atmosferico. Si tratta di una problematica della quale si
devono tutti rendere consapevoli. La spinta che arriva dagli studenti va
senz’altro sostenuta e rilanciata perché c’è necessità di mettere in
atto nuove pratiche che prevedano la riduzione dei consumi e stili di
vita improntati all’economia circolare”.
Così Franco Medici, presidente di Italia Nostra Lazio motiva l’adesione
all’evento odierno che sta coinvolgendo centinaia di migliaia di
studenti in tutto il mondo e alla Marcia per il Clima in programma a
Roma sABATO 23 MARZO marzo è la Giornata Mondiale del Clima e Contro le Grandi Opere Inutili .
“Italia Nostra – prosegue il presidente di Italia Nostra Lazio – da
sessanta anni è impegnata nella tutela del patrimonio storico, artistico
e naturale, una attività di salvaguardia delle risorse ambientali e di
sensibilizzazione verso pratiche quotidiane più rispettose del clima e
dei cambiamenti climatici in atto. Ribadiamo inoltre – conclude Medici –
che prima dell’approvazione di cosiddette grandi opere si facciano
delle attente valutazione sui costi e benefici ambientali, non solo
economici. Una delle nostre forti preoccupazioni riguarda inoltre la
risorsa idrica sempre più carente nel mondo intero”.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI