Istituto Comprensivo “Anna Molinaro”, programma_Erasmus+in Spagna

Nei giorni tra il 17 ed il 21 febbraio l’Istituto Comprensivo “Anna Molinaro” di Montefiascone ha attuato, attraverso la mobilità in Spagna di due sue docenti, un altro passo avanti nel processo diinternazionalizzazione ed apertura alle nuove tecnologie nei processi di insegnamento/apprendimento. Il Centro Educativo di Scuola dell’infanzia e primaria “Santa Maria la Blanca” a Barcience, vicino Toledo, in qualità di coordinatore del progetto internazionale “INNOVATION=MOTIVATION”, cofinanziato dal Programma Erasmus + dell’ Unione Europea, ha infatti accolto dieci insegnanti provenienti, oltre che dall’Italia, anche da Polonia, Grecia e Slovenia, per condividere le buone pratiche sperimentate nei loro Istituti scolastici ed assistere alla loro attuazione nelle varie classi del College spagnolo, in un processo reciproco di formazione e implementazione della qualità dell’offerta formativa. L’obiettivo del progetto è quello di sostenere la motivazione ad apprendere attraverso l’utilizzo di pratiche innovative correlate alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, come metodologia stimolante e creativa per l’acquisizione di abilità e competenze, prevenendo ed allontanando in tal modo, per gli anni a venire, il rischio dell’abbandono scolastico.
Gli insegnanti e gli alunni spagnoli, con il Dirigente Javier Valle Rey, hanno riservato una calda e vivace accoglienza ai docenti in mobilità, con un’entusiasmante cerimonia di benvenuto che ha celebrato l’incontro tra culture e lo scambio di esperienze che nasce dalla creazione di reti di partenariato. La costruzione di una identità aperta e multiculturale, la promozione di una
cittadinanza europea è infatti una esperienza di consapevolezza e concretezza che passa anche attraverso la condivisione delle reciproche, diverse tradizioni e culture, come ad esempio il magnifico spettacolo di flamenco ed il pranzo a scuola con moltissimi, gustosi piatti tipici castigliani e spagnoli, realizzati dagli insegnanti.
Il ricco programma, dopo la formazione a scuola, prevedeva anche: l’esplorazione di alcuni luoghi simbolo della vicina Toledo, dove l’architettura stessa celebra l’incontro tra culture cristiana, islamica ed ebraica in monasteri, moschee e sinagoghe; la visita a Madrid, con le sue grandi piazze e i suoi monumentali palazzi; l’escursione naturalistica alle scogliere del Burjion, paesaggio spettacolare creato dallo scorrere del Tago.
A questa quinta mobilità dei docenti delle scuole partner farà seguito a maggio l’ultima occasione di formazione per questo progetto, con la partecipazione stavolta anche degli studenti, a Montefiascone, nell’Istituto Comprensivo A. Molinaro, che sta predisponendo a sua volta uno stimolante programma di formazione e scambio di buone pratiche, e di full immersion nelle bellezze architettoniche e naturalistiche della Tuscia e dei suoi dintorni. Per una nuova visione dell’educazione che possa sostenere l’idea di scuola come piattaforma, network di cultura, in cui gli studenti possano sviluppare le competenze, le cosiddette life skills, ed attivare l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita, il long life learning appunto, in tutti i contesti della vita, formali e non formali.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI