Il Giardino della Cannara e il borgo dei pescatori

Domenica 6 giugno, il percorso storico e naturalistico che vi porpongo conduce verso un luogo davvero speciale: il giardino della Cannara sul  fiume Marta e il borgo omonimo.

Nel Giardino della Cannara si potranno ammirare le fioriture delle rose e di altre piante presenti. Sarà un’immersione nel verde di questo piccolo angolo di paradiso, cullati dallo scorrere lento dell’acqua del fiume tra le grate della Cannara. Accanto al fiume ed attorno a un piccolo lago, alberi, arbusti, bambù, prati e fiori. Rose, peonie, iris, violette, papaveri e calle. Una regia di assieme discreta ma continua con disegni più romantici che geometrici.

A completamento della visita, una passeggiata lungo il bel sentiero ombreggiato che costeggia il fiume per arrivare nel borgo di Marta tra i vicoletti medievali, fino alla terrazza panoramica dove si trova la torre simbolo della città e testimonianza della potente famiglia Farnese, che realizzo splendide residenze attorno al lago.

La Cannara è una costruzione molto antica le cui origini possono essere fatte risalire sino all’epoca dei Romani. Se ne hanno notizie certe dal Medio Evo in poi per la particolarissima e forse unica funzione cui era destinata: la pesca delle anguille.

Il fiume Marta, scorrendo dal lago di Bolsena verso il mare, è costretto a transitare “attraverso” la Cannara (di fatto una Casa-Ponte) dove, con un sistema di griglie (anticamente fatte di canne da cui Cannaia o Cannara) venivano catturate ingenti quantità del prelibato pesce.

La Cannara è stata una proprietà di elevato valore appartenuta alla Chiesa e in seguito a potenti famiglie locali. La storia di una tradizione centenaria, un monumento di archeologia ittica. Nel 1978 la signora Mirella, moglie di Massimo Faggiani, in cerca di una residenza si innamora di questo luogo in vendita e da quel momento inizia una storia d’amore tra un luogo e la persona che se ne prende cura. Oggi è il figlio Valerio che continua a far vivere la Cannara e il suo giardino.

Marta è un borgo di pescatori tra i più suggestivi del lago di Bolsena su cui si affaccia. L’amenità delle sue strade, delle sue vedute ne fanno una deliziosa e rilassante meta per i visitatori in ogni stagione dell’anno, che hanno voglia di scoprire luoghi insoliti. Da ammirare ci sono non solo la zona che ruota intorno al porticciolo, ma anche la parte più interna, caratterizzata da caratteristici vicoletti di epoca medievale e da una serie di piazzette che culminano nel belvedere con la torre, testimone di tempi gloriosi. L’edificazione della famosa rocca di cui la torre è la parte superstite, viene datata al XIII secolo.

APPUNTAMENTO: Domenica 6 giugno

MATTINA ALLE ORE 9.30 alla CANNARA via Tuscania n.101 (Marta), con parcheggio privato. Dopo la visita del giardino nelle ore che permetteranno di goderne luce e bellezza, si camminerà lungo il fiume su un bel sentiero ombreggiato per arrivare al borgo medievale di Marta. Durata della visita 3 ore circa.

POMERIGGIO ALLE ORE 15.45 alla CANNARA via Tuscania n.101 (Marta), con parcheggio privato. Dopo la visita del giardino nelle ore che permetteranno di goderne luce e bellezza, si camminerà lungo il fiume su un bel sentiero ombreggiato per arrivare al borgo medievale di Marta. Durata della visita 3 ore circa.

INFORMAZIONI E DETTAGLI 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae con Assicurazione Professionale RC attiva. Contatti anche tramite whatsapp e canale telegram https://t.me/lepasseggiatediannarita o tramite mail annaritaproperzi@gmail.com;

PRENOTAZIONE NECESSARIA per il numero limitato dei posti e per ricevere tutte le informazioni relativamente alle norme di sicurezza anti-Covid19 che andranno rispettate nel corso della visita.

CARATTERISTICHE DEL PERCORSO: percorso facile ad anello di circa 4 km, urbano e su comodo sentiero che costeggia il fiume.

ABBIGLIAMENTO: abbigliamento comodo e leggero, scarpe adatte a una passeggiata facile, cappellino e scorta d’acqua. Kit mascherina e gel igienizzante.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI