Hockey Serie A1 Girone “A” Vitersport, pesante sconfitta ad Udine

A.S.D. MADRACS UDINE 9 – 4 VITERSPORT LIBERTAS

A.S.D. MADRACS UDINE: Bercaru Marius, Burtone Giorgia, Comino Claudio, De Cecco Benedetta (K), Felicani Andrea, Manfredi Simon, Marcon Samuele, Masoli Diego Leonel, Minigutti Ivan, Torcutti Gabriele,

Allenatore: Bredolo Cristian, Michieli Massimiliano

A.S.D. VITERSPORT: Marotta Edvige, Minella Agostino, Pacchiarotti Alessandro (K), Izzo Marcello, Kruezi Fatmir, Marotta Umberto, Cesarei Francesco, Toma Andrei,

Allenatore: Mancuso

Arbitri: Pizzo Dario, Dotto Massimo

Marcatori: (UD) 5 Comino 3 Felicani 1 Masoli (VT) 3 Kruezi 1 Marotta U

Domenica 8 dicembre 2019, terza di campionato e seconda impegnativa trasferta per La Vitersport Libertas. In terra friulana, nella tana dei Madracs Udine, la compagine della Tuscia subisce la prima sconfitta stagionale. La squadra Viterbese scende in campo senza la dovuta concentrazione propria di chi è conscio di dover affrontare un avversario che schiera in campo tre nazionali e guidata da quel Sauro Vadalà (sugli spalti per squalifica) già allenatore della Nazionale Italiana Campione del mondo. La squadra non ha trovato la grinta e la voglia di vincere necessaire, ed il risultato di 9 a 4 per i friulani non lascia spazio a dubbi. Una partita iniziata male sin dalle prime battute, con il goleador Kruezi Fatmir apparso senza la vena delle migliori prestazioni, mentre l’altra mazza Izzo, poco servito, appariva privo di determinazione. Male anche il reparto di difesa che si è rivelato carente, incapace di fare muro davanti alla porta.

Le sostituzioni di Minella con Marotta Umberto e di Izzo Marcello con Cesarei Francesco non hanno di fatto migliorato la situazione in campo, come suol dirsi sono cambiati i suonatori ma non la musica.

Se si pensa che alla ripresa del campionato, dopo la pausa natalizia, si dovranno affrontare in trasferta i campioni d’Italia del Venezia e i più volte campioni d’Italia del Padova appare evidente che non c’è tempo per i rimpianti, ma bisogna subito rimettersi al lavoro con il massimo impegno da parte di tutte le componenti della squadra, per preparare queste partite da brivido che potrebbero determinare un pesante scivolone in classifica mettendo a rischio l’intera stagione.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI