Ferento, tributo al grande Faber, Luca Cionco la voce Ellade Bandini la batteria ed è emozione pura

di Luciano Pasquini

La cavea del Teatro Romano di Ferento gremita fino alle ultime file, una luminosa serata estiva, ha fatto da da cornice mercoledi sera all’esibizione degli “Hotel Supramonte”con un favoloso omaggio a De André a vent’anni dalla sua morte.
Sin dalle prime note il pubblico è stato rapito dalla magia delle parole e dalla musica del grande cantautore. Testi e parole immortali che non mutano con il passare del tempo rimenando sempre vivi e attuali. La voce di Luca Cionco, con le sue sfumature tonali riesce a far rivivere Fabrizio De André ed a incantare il teatro insieme ad una band che lo supporta magnificamente. La sua una voce dal timbro molto simile a quello del grande artista poeta . Tantochè gli Hotel Supramonte è riconosciuta dalla stessa Fondazione De Andrè.
Tra i brani eseguiti della serata:“ Storia di un impiegato” e “La buona novella”. Ma la vera sorpresa è arrivata a meta concerto con l’ingresso di Ellade Bandini amico e batterista di Fabrizio De André,ed è li che la band acquista un nuova energia un nuovo allure. Ellade non si risparmia, nonostante il passare degli anni (73) ha l’energia di un giovane, il virtuoso numero uno delle percussioni . Nella pausa del concerto condivide con i presenti alcuni ricordi di vita trascorsi accanto a Fabrizio come il profumo che usava, che gli ricorda i saloni dei barbieri di una volta, lui stesso ora lo usa quando accompagna in pubblico i testi del grande cantautore, forse uno modo intimo di stargli vicino. Sicuramente quella scia ha inondato tutti i presenti negli spalti di Ferento. Il finale si consuma con i brani più conosciuti di De Andrè, in un crescendo di ricordi per chi c’è. Ancora una volta il Teatro Romano di Ferento, grazie alla Direzione artistica di Patrizia Natale ha saputo ben scegliere puntando pur nelle scarse risorse ad un programma di qualità non privandolo di emozioni in una stagione teatrale che ancora promette sorprese.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI