19.3 C
Viterbo
lunedì, agosto 2, 2021

“Vignale: Dagli scavi ottocenteschi al telerilevamento da drone”, quinta videoconferenza sui falisci

Civita Castellana – Per il ciclo “Alle sei di sera a Falerii – passeggiando in una città preromana”, dedicato all’antica Falerii Veteres, venerdì 18 giugno alle 18.00 si terrà la quinta videoconferenza sui falisci, dal titolo “Vignale: Dagli scavi ottocenteschi al telerilevamento da drone”, a cura della ricercatrice Maria Cristina Biella, in collaborazione con l’archeologo Filippo Materazzi. Si tratta della tappa conclusiva della prima parte di questo progetto. I successivi appuntamenti riprenderanno dopo l’estate, dal 24 settembre, un venerdì al mese sempre alle 18, fino alla puntata finale del 3 dicembre 2021. L’iniziativa è realizzata dal Comune in collaborazione con l’area di Etruscologia e antichità italiche del Dipartimento di scienze dell’antichità della Sapienza di Roma.
Il Vignale è uno dei due colli su cui Falerii sorgeva. Rappresenta uno dei punti cruciali per l’esatta comprensione dello sviluppo e dell’articolazione dell’antica città. Rimasto sostanzialmente sgombro da costruzioni dall’antichità, non è stato interessato dai progressivi ampliamenti di Civita Castellana. Pertanto è stato destinato, nel corso dei secoli, ad area agricola e zona di pascolo. Si tratta di un vero e proprio laboratorio a cielo aperto per lo studio della città preromana, di cui conosciamo anche una cesura storica importante, dovuta alla conquista romana del 241 a.C. Dalla fine dell’800 oggetto di indagini, in parte restate inedite, il Vignale è stato poi interessato nel corso del ‘900 da ricerche topografiche, portate avanti da studiosi italiani e britannici. Dal 2020 l’area di
Etruscologia e antichità italiche della Sapienza ha avviato una nuova stagione di ricerche sul colle di Vignale, riconsiderando e mettendo a sistema quelle passate e avviando attività di telerilevamento multispettrale e termico da drone. La quinta conferenza di venerdì affronta proprio una sorta di rendicontazione delle ricerche condotte durante l’ultimo biennio, evidenziando i primi risultati conseguiti e le prospettive per l’immediato futuro. Rappresenta anche occasione di rendere omaggio alla memoria dell’archeologo e accademico inglese Simon J. Keay, recentemente scomparso, che agli inizi degli anni 2000 è stato uno dei protagonisti delle ricerche italo-britanniche proprio a Vignale. Per le coordinate di accesso alla videoconferenza sulla piattaforma Meet e per partecipare è richiesta preventiva prenotazione all’indirizzo faleriimail@gmail.com.

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

18 Giu 2021

Ora

18:00
Categoria