12.1 C
Viterbo
giovedì, novembre 14, 2019

QdA: La Maison de Santé a Palazzo Orsini di Bomarzo

Durante un viaggio nel sud della Francia dell’ottocento, un giovane viaggiatore curioso del mondo giunge in cerca di ospitalità presso la Maison de Santé, un castello fatiscente gestito dal Dottor Maillard, eccentrico direttore dell’istituto famoso in tutta la Francia per il suo “sistema morbido”, un metodo all’avanguardia per gestire i disturbi mentali dei suoi pazienti.
Ad accoglierlo uno stravagante maggiordomo che non parla e una giovane donna misteriosa.
Invitato dallo stesso dott. Maillard a partecipare ad un inconsueto banchetto serale, il giovane ospite si trova a cena con altri stravaganti ospiti della dimora, catapultato in una realtà difficilmente riconoscibile. Tra loro ritrova anche la giovane donna misteriosa e seducente, la quale cercherà più volte e in più modi di attirare le sue attenzioni.
In una spirale caleidoscopica, il giovane sarà sempre più coinvolto dalle storie raccontate dagli ospiti della Maison. Queste faranno crescere sempre più il suo interesse per il sistema del dott. Maillard, fin quando le sue domande inizieranno ad ottenere come risposte dagli altri convitati racconti ai limiti del verosimile con descrizioni di personaggi folli, accompagnate da ragli di asini, gorgheggi lirici, gracidio di rane, assurde pantomime e musiche dissonanti. Il tutto condito da portate poco invitanti, vere specialità della casa, e bevande dagli effetti inaspettati.
Il malcapitato si troverà sempre più trascinato in un gioco dialettico tra il reale e l’immaginario, incapace di capire effettivamente chi sia normale e chi sia bizzarro. Ma qual’è la vera realtà? Quella del savio per cui tutto ha e deve avere una logica? O quella del folle capace di penetrare oltre le apparenze e rivelare aspetti insospettati dell’esistenza? Il giovane ospite in cerca di risposte riuscirà a districarsi dalla rete in cui è inconsapevolmente caduto o rischierà di perdersi in una spirale senza via d’uscita? E’ possibile riuscire a capire la logica dei folli, senza cadere nella seduzione della follia stessa?

Nel monologo finale dell’ospite l’epilogo della storia e forse una possibile risposta…

Marco Vallarino, diplomato presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’amico, ha compiuto studi musicali e di chitarra classica. Ha studiato danza classica, moderna e contemporanea.
Si è perfezionato in Acting Training presso il Centro di Formazione per Attori e Registi con B.Bracco, ha lavorato come attore in in teatro, cinema, tv e radio con alcuni dei registi e degli attori più rappresentativi della scena italiana, tra cui Lorenzo Salveti, Andrea Camilleri, Giancarlo Sepe, Rossella Falk, Giuseppe Patroni Griffi, Mario Missiroli, Mino Bellei, Neri Parenti, Paolo Villaggio, Renato Pozzetto, Lino Capolicchio, Henry Arnold, Monica Vitti, Libero De Rienzo, Maria Paiato, Paola Cortellesi.

Costo biglietti: Intero 7 € – Ridotto € 3 (under 26 / over 65 / studenti) 
(posti limitati, si consiglia la prenotazione)
Info e prenotazioni: ufficiostampaquartieridellarte@gmail.com

Tel. 347.8874694

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

26 Ott 2019

Ora

21:00

Luogo

Bomarzo
Categoria