6.2 C
Viterbo
lunedì, marzo 25, 2019

Il caso Regeni al Caffè letterario di Colle Diana a Sutri

Sono passati più di 3 anni dalla morte di Giulio Regeni, il ricercatore italiano rapito, torturato e ucciso in circostanze ancora da chiarire in Egitto. Più di 3 anni dal quel 3 febbraio 2016, in cui il  corpo martoriato del giovane venne ritrovato sul ciglio di una strada alla periferia del Cairo. “Su quel viso ho visto tutto il male del mondo e ho detto: perché si è riversato su di lui?”, dirà sua mamma Paola.

Un lungo tempo scandito da silenzi, bugie, indiscrezioni, smentite, reticenze e depistaggi messi a punto dalle autorità egiziane per nascondere la verità. Una verità ancora tutta da accertare e da scrivere. Sul fronte delle indagini si è in una situazione di dichiarato stallo, malgrado la cooperazione giudiziaria fra Italia ed Egitto, formalmente, non sia interrotta.

Mentre la politica di casa nostra latita. La distanza tra le parole e i risultati è sotto gli occhi di tutti. Il richiamo dell’ambasciatore italiano è durato meno di un anno. E, al di là, di qualche voce grossa nulla è stato fatto,  salvo tenere l’argomento Regeni ai margini degli incontri bilaterali con il presidente egiziano Al Sisi, che comanda un paese strategico per i rapporti commerciali con l’Italia, a partire dai giacimenti di petrolio.

Da quel giorno di febbraio di 3 anni fa, però, in tutta Italia è cresciuta la richiesta dal basso di verità sulla tragica fine del ricercatore di Fiumicello. Una richiesta di verità a cui si uniscono anche “Pizzicarms onlus” e Colle Diana Café che – domenica 10 marzo, alle 17.30 – organizzano al Caffè letterario di Colle Diana un incontro a cui parteciperanno Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, e Azzurra Meringolo, giornalista Rai, autrice del libro “Fuga dall’Egitto – Inchiesta sulla diaspora del dopo-golpe”, Infinito edizioni. Ingresso libero.

Al termine dell’incontro, con una piccola cerimonia, verrà ufficializzata ‘adesione di “Pizzicarms onlus e Colle Diana Café alla campagna di Amnesty International “Verità per Giulio Regeni”, mediante l’affissione dello striscione giallo che ha fatto il giro del mondo. Un simbolo che chiede a tutti l’impegno per avere la verità sulla morte di Giulio.

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

10 Mar 2019

Ora

17:30

Luogo

Sutri
Categoria