‘E ll’Anno Novo Bbagnajolo augurante di Pier Isa della Rupe

Quando c’era la “fame” e alla fine dell’anno ogni famiglia poteva mangiare la carne grazie al maialino allevato nei tanti remissini intorno a Bagnaia, i ragazzi si mascheravano la faccia con il carbone e andavano cantando questa canzone nelle varie case e al termine ricevevano qualche salsiccia (rocchie) viarelli ecc.

‘E LL’ANNO NOVO BBAGNAJOLO
DOMANE SE COMINCIA ‘E L’ANNO NOVO
CHE DDIO CE LO MANNE BBONO
DE PANE E DE VINO
DE CACIO PECORINO
SE AMMAZZATE ‘E PPORCO
FACETICE ‘A PARTE
‘A RIMA CHE CCE NASCE
SOPRA ‘A RIMA
‘A ROSA COSTANTINA
SOPRA ‘A ROSA
E’ PICCOLO CE GGIOCA
GGIOCA E GGIOCANNO
EJO ELL’UCELLO CHE VVA VOLANNO
GGIOCA E GGIOCHETTO
EJO E LL’UCELLO CHE VA SU TTETTO
EGGRI’-EGGRI’-EGGRO’
CE LE DATE SI O NO?
SEMO VENUTE DA LONTANO
E LONTANO CE TOCCA ANNA’
DADICE QUARCHE COSA
NON POTEMO PIU’ ASPETTA’

Buon Anno Pier Isa della Rupe

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI