Defensor al tappeto contro la capolista

Defensor

Sconfitta preventivata per le Ants basket, che sabato al PalaMalè sono uscite battute per 39-53 dal Castel San Pietro Terme, primo in classifica. Il quintetto allenato da Carlo Scaramuccia entra con il piede giusto in partita e riesce a contenere gli schemi offensivi delle avversarie, grazie al buon lavoro svolto soprattutto in difesa e all’aiuto arrivato dall’uscita di scena di Simona Ballardini, che resta in campo solo tre minuti prima di rientrare in panchina (11-7 il primo parziale). A prendere in mano le redini del gioco della Magika-Alfagomma ci pensano Panella e socie, che nel corso del secondo quarto riescono a ridurre il margine di svantaggio e possono tornare negli spogliatoi con una sola lunghezza da recuperare alle viterbesi (19-18 alla fine del primo tempo). Nel terzo quarto, Romagnoli e compagne provano a mettere in difficoltà le ospiti con la marcatura a zona, ma se da oltre l’arco dei 3 punti le emiliane non hanno fortuna, riescono a trovare i tagli giusti in area per agganciare le gialloblù e attuare un primo misurato soprasso (27-31 il punteggio sulla terza sirena). Nell’ultima frazione i punti messi a segno dalla Defensor sono appena 12, mentre Castel San Pietro ne produce 22 e si aggiudica l’incontro, mantenendosi sulla vetta del girone C con 22 punti. Per la Defensor arrivano comunque buone indicazioni, nonostante il risultato, in prospettiva della prossima trasferta a Roma (prevista il 3 gennaio), dove affronterà un match cruciale contro una delle avversarie dirette per la conquista di un posto in serie A2 in poule retrocessione.

Tabellini

Defensor Viterbo: Filoni, Yordanova 7, Chimenz 1, Riccobono ne, Orchi 4, Raiola ne, Romagnoli 7, Bernardini ne, Mancabelli 8, Viviani ne, Ndiaye ne, Spirito 12. Allenatore: Carlo Scaramuccia.

Castel San Pietro: Vespignani 10, Bardasi, Capucci 2, Ballardini 3, Santucci M. 3, Franceschelli 8, Schieppati, 

Matic 10, Vitari, Tosi ne, Pazzaglia, Panella 17. Allenatore:  Paolo Seletti.

Arbitri: Anna Rosa Nocera e Stefania Perrone.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI