Dal 6 aprile il Lazio torna in zona arancione

Con le festività pasquali trascorse in zona rossa ormai alle spalle da martedì 6 aprile il Lazio torna in zona arancione insieme ad Abruzzo, Basilicata, Liguria, Marche, Molise, provincia di Bolzano, provincia di Trento, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto. Riepiloghiamo come ci si può muovere.

Gli spostamenti

In zona arancione, come sempre, ci si può muovere liberamente e senza obbligo di autocertificazione all’interno del proprio comune.

Seconde case

Resta la possibilità di recarsi in una seconda casa, anche se si trova in una regione in zona rossa o arancione. La seconda cosa deve essere di proprietà o affittata per un lungo periodo e prima del 14 gennaio. Deve essere vuota e può accogliere solo il nucleo famigliare: non si possono ospitare, dunque, né amici né parenti non conviventi.

Visite ad amici e parenti

A differenza della zona rossa, si prolunga la possibilità offerta durante i giorni pasquali di fare visita, una volta al giorno, ad amici e parenti. Bisogna però restare nell’ambito del comune e ci si può muovere al massimo in due persone con figli under 14 al seguito.

Scuole

In zona arancione è consentito il ritorno in aula per tutti i ragazzi fino alla terza media compresa. Gli studenti delle superiori andranno in presenza al 50-75%. Sindaci e presidenti delle Regioni non possono decretare chiusure autonome di ordini scolastici.

Negozi aperti

Tutti i negozi sono aperti, anche quelli di abbigliamento di altre categorie merciologiche considerate “non essenziali” che in zona rossa sono chiusi. Nei giorni festivi e prestivi, sono chiusi i negozi all’interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, lavanderie e tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie.

Parrucchieri ed estetiste

Aperti parrucchieri, barbieri e centri estetici.

Cinema, mostre e teatri

Le sale della cultura restano purtroppo chiuse. La loro riapertura è prevista per il momento solo in zona bianca..

Bar e ristoranti

Per bar e ristoranti resta la possibilità di lavorare solo con l’asporto (i bar fino alle 18 e i ristoranti fino alle 22) o con le consegne a domicilio. Questo almeno per tutto il mese di aprile.

Sport

Oltre a passeggiate anche in bicicletta e jogging (che possono oltrepassare il territorio comunale), in zona arancione sono aperti anche i centri che offrono sport individuali come il tennis, il golf o il padel. Restano per ora chiuse palestre e piscine.

 

 

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI