“C’è bisogno di più anima” al Museo Colle del Duomo

Fino al 15 gennaio 2017 si potrà visitare la mostra “C’è bisogno di più anima” curata dall’ Associazione Culturale “Donna Olimpia”, con la collaborazione di “Archeoares”, del Polo Monumentale Colle Del Duomo e del Comune di Viterbo, che vede la partecipazione degli artisti Dunia Bartoli, Stefano Di Maulo, Antonella Mattioli e Alfonso Talotta.
La mostra s’inquadra nel progetto “Un pesce in una biglia”, sul tema del femminicidio che ha preso l’ avvio il 24 settembre 2016 con una mostra allestita nel Palazzo dei Papi e che ha visto anche la partecipazione dello storico dell’ arte Claudio Strinati, del patron della Viterbese-Castrense Piero Camilli e della stilista e imprenditrice Anna Fendi.
Dunia Bartoli presenta dei dipinti molto colorati che evocano situazioni positive e che danno colore, appunto, alle emozioni più profonde; Stefano Di Maulo propone tre opere pittoriche che hanno come tema il volto, e le sue “Formiche” vere e proprie metafore della natura umana e della società moderna; Antonella Mattioli espone dei gioielli della serie “Italia”, realizzati nel 2014 in collaborazione con maestri orafi viterbesi. Questi gioielli sono composti da elementi decorativi assemblati in modo tale da raffigurare l’ Italia per intero o nelle sue diverse zone geografiche. Infine Alfonso Talotta che presenta dei “Monili”, del 2007, piccole sculture da indossare, realizzati in ceramica con una felice sintesi tra decorazione e ricerca cromatico-formale, e due “Ritratti Femminili”, del 2014, eseguiti con due linguaggi espressivi opposti: da una parte la ceramica, forma d’ arte antichissima, arcaica, dall’ altra la fotografia che rimanda, comunque, ad un linguaggio più nuovo, più moderno. Tanto i “Monili” che i “Ritratti “ sono un omaggio alla bellezza, all’ eleganza e al fascino femminile.
La mostra è aperta dal martedì alla domenica con orario: 10.00/13.00 – 15.00/18.00.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI