Camera Commercio processo di cambiamento navigando a vista

camera di commercio

Nella conferenza di inizio anno svoltasi il 7 gennaio nella sede di Via Rosselli a Viterbo il presidente Merlani al suo esordio nel discorso di inizio anno, appena ripresosi dall’influenza che lo aveva colpito, presenta uno scenario segnato dalle riduzioni governative. Meno 35% nel 2015 – 40% nel 2016 e il 50% a seguire “Una riduzione rilevante – spiega Merlani – per un ente piccolo come quello di Viterbo, che si ripercuote su una serie di contribuzioni a fondo perduto alle imprese pur con meno risorse da reinvestire nel territorio“.

Nonostante le premesse l’Ente approva un bilancio previsionale con la messa in attivo di sportelli a servizio dell’Impresa anche rosa e con l’allargamento dell’orario di apertura per una migliore prestazione all’utenza. Regionalizzazione e accorpamenti gli scenari possibili da monitorare per capire se il futuro della Camera di commercio a Viterbo, così come in altre realtà, sia poi tutto da costruire. ”Vogliamo nonostante tutto, diventare più competitivi divenendo sempre di più un punto di riferimento per il sistema produttivo, stando maggiormente vicini al mondo delle imprese”.

Potenziamento dei brand Tuscia Welcome e Tuscia viterbese, per turismo ed eccellenze certificate. Solido il comparto dell’agricoltura con una quota del 30% l’edilizia scende al 14%, l’export fa ben sperare, con una crescita in particolare nel terzo trimestre 2014 pari al 16 per cento. “Un aumento che diminuisce i problemi sul fronte interno – osserva il segretario Francesco Monzillo – che è pertinente pure al settore ceramico”. Comparto in cui la situazione generale rimane comunque tutt’altro che rosea. La Camera di Commercio, ricorda la vice segretaria Federica Ghitarrari, sta semplificando le procedure relative al registro imprese, con lo sportello a disposizione d’associazioni di categoria e professionisti. L’Ente come autorità di controllo sulla Dop Tuscia per olio, patata, castagna e nocciola si adopera per sveltire le pratiche e rendere alle imprese tutto più semplice.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI