“Caffeina Christmas Village”: il centro di Viterbo è Fantasyland fino all’Epifania

“Narra la leggenda, ritrovata in un polveroso manoscritto, scoperto nella Biblioteca delle favole, che un giorno di un tempo magico Babbo Natale venne chiamato a Viterbo per aiutare una bimba, di nome Margherita, a contrastare il male oscuro che si stava diffondendo nella città. Dopo aver riportato la pace e la tranquillità, Babbo Natale decise di fermarsi qui e di organizzare il suo quartier generale in uno dei centri storici più belli d’Italia”. E’ il suggestivo biglietto da visita che compare nel depliant di “Caffeina Christmas Village” che apre venerdì 2 dicembre per restare aperto fino all’8 gennaio prossimo. Trentotto giorni in cui il centro storico (da piazza San Pellegrino a piazza San Lorenzo passando per piazza San Carluccio e piazza della Morte) si trasformerà in una sorta di Fantasyland: il Presepe più grande del mondo allestito nei locali del palazzo Papale, la casa degli Elfi, la fabbrica del cioccolato , quella di giocattoli, la banca dello Zecchiere e (non poteva certamente mancare) la casa di Babbo Natale, ricostruita all’interno di palazzo degli Alessandri nel cuore di San Pellegrino. Quindici location allestite con scrupolo, sagacia artistica e, naturalmente, tanta fantasia. Un festival magico, però in grado anche di richiamare l’interesse dei grandi. “Una edizione invernale di Caffeina – spiega l’assessore comunale al Turismo di Viterbo, Giacomo Barelli – che punta a dare una ulteriore spinta al già buon afflusso di turisti. Siamo orgogliosi di poter dare una mano mettendo a disposizione alcune nostre strutture. E, voglio precisarlo, senza spendere un euro”. “Per noi – puntualizza in conferenza stampa il direttore organizzativo, Andrea Baffo – si tratta di una autentica sfida”. Che, conti alla mano, costerà oltre 700.000 euro. “Cinquecentomila – precisa il direttore artistico, Filippo Rossi – li metteremo noi di Caffeina insieme agli sponsor privati nella misura del 25 per cento. I privati inoltre si faranno carico di spese aggiuntive per far vivere gli stand nell’arco di una quarantina di giorni”. Le entrare arriveranno dai biglietti (il costo varia fra i 3 e i 12 euro) che, in base alle speranze degli organizzatori dovrebbero superare quota 40.000. Ad oggi – e questo è un dato certo – sono stati 4.800 quelli prenotati dalle scuole. Un importante catena della Gdo,Unicoop metterà inoltre a disposizione un milione e mezzo di tagliandi per l’acquisto di ticket a prezzo scontato. Il percorso all’interno del Villaggio sarà gratuito e comunque in grado di solleticare l’interesse di tutti e assecondare la spinta allo shopping di qualità, ampliato anche alla vicina via Saffi, che un gruppo di imprenditori sta provando a far tornare a nuova vita attraverso l’apertura di nuovi esercizi commerciali. Una sfida nella sfida sotto l’albero di Natale.
Foto di Luciano Costantini

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI