Bruzziches e Bellucci: gli emergenti del 2014

Benedetta Bruzziches e Gianmarco Bellucci

La vita di ogni giorno ci rende tutti protagonisti della nostra esistenza, ma dovendo individuare chi nel 2014  ha reso onore alla Tuscia per personalità e ingegno, inculcando una speranza  solida per quel  futuro migliore che in genere compone il pensiero augurale di ogni inizio anno, esiste già e trova credito nella concretezza di due giovani (per par conditio un uomo ed una donna), che al territorio viterbese con il loro esempio di affermazione nello studio e nella produzione di eccellenza stanno consegnando. Gianmarco e Benedetta un modello di spinta per tutti i giovani viterbesi. Salgono sul podio per stima di TusciaUp

Gianmarco Bellucci ha soli diciannove anni, un diploma di Maturità conseguito a pieno titolo presso il Liceo Classico Mariano Buratti, il 23 ottobre scorso è stato premiato al Quirinale dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed insignito del titolo: “Alfiere del lavoro”, riconoscimento assegnato dalla Federazione italiana cavalieri del lavoro che premia l’impegno e i risultati ottenuti nel quinquennio di scuola superiore. Una promessa

Benedetta Bruzziches, di anni ventinove, scelta come esempio per i giovani dal Presidente Napolitano, a lei Corrado Formigli ha dedicato un capitolo nel suo libro “Impresa Impossibile” e recentemente anche Marco Magalini nel suo: Moda. Il nuovo Made in Italy. Crea borse uniche vendute in tutto il mondo Tentata dal richiamo della Tuscia in cui è nata e cresciuta spinge oggi un progetto per il territorio per il recupero di quell’artigianato perduto. Il suo studio è a Viterbo in via dell’Orologio Vecchio, affiancata dal fratello Agostino. Da lì, controlla la sua  sua rete di contatti commerciali internazionali,e le sue borse ormai son un cult. Una dimostrazione che non si deve scappare per realizzare un obiettivo, bisogna solo saper tradurre la contemporaneità e lo si può fare senza staccarsi dalle proprie radici. Onore al merito e buon 2015 a entrambi e alla Tuscia.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI