Bassano Romano da il via al progetto “Bassano in Compost”

Venerdì 3 febbraio alle ore 16, presso la sala conferenze della Casa delle Culture e dei Popoli, l’Amministrazione Comunale di Bassano Romano da il via al progetto “Bassano in Compost”. Realizzato con un finanziamento di 72.000 Euro della Regione Lazio e grazie alla collaborazione dell’ENEA e dell’Associazione di Promozione Sociale Terrre, il progetto si pone come obiettivo quello di migliorare ulteriormente la gestione dei rifiuti tramite l’incentivazione delle pratiche di auto-compostaggio, domestico e di comunità.
“Questo progetto nasce nell’ottica di una sempre più attenta gestione dei rifiuti e finalmente lo vedremo realizzato”, dichiara il Vicesindaco e Assessore all’ambiente, energia e rifiuti, Ugo Pierallini.
“Lo scorso anno – continua Pierallini – abbiamo creato le basi. Abbiamo adottato il regolamento dell’Albo Compostatori Comunale, abbiamo affidato i servizi di comunicazione, informazione e formazione e abbiamo provveduto ad acquistare le attrezzature necessarie: tre macchine compostatrici per altrettante mense presenti sul territorio comunale e 40 compostiere domestiche ad asse orizzontale.”
“Un’attenta gestione dei rifiuti – prosegue il Sindaco Emanuele Maggi – garantisce maggiore rispetto per l’ambiente e può produrre l’abbattimento dei costi a carico della collettività. Crediamo molto in progetti come questo”.
Il progetto è stato redatto con il supporto scientifico del dott. Fabio Musmeci dell’ENEA (ora anche Presidente dell’Associazione Italiana Compostaggio – AIC, di cui il Comune di Bassano Romano è socio fondatore) e dell’Associazione di Promozione Sociale Terrre, che cura tutta la parte di comunicazione, informazione e formazione.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI