Assicurazioni on line un business da 36 miliardi di euro

L’uso di nuovi strumenti di connessione nelle mani dei consumatori stanno riscrivendo le dinamiche di sviluppo e sostenibilità del settore assicurativo. Lo studio Digital Insurance In Italy, The Time To Act Is Now realizzato da The Boston Consulting Group, in collaborazione con Google, offre un’inedita fotografia del fenomeno e illustra le opportunità che si aprono per il settore. Secondo i dati emersi le consultazioni degli italiani sul motore di ricerca legate al tema assicurativo sono cresciute del 128% nel quinquennio 2008-2013 e addirittura del 185% se si osservano solo quelle relative all’assicurazione auto. Sono effettuate sempre più per decidere quale assicurazione acquistare e dunque hanno un impatto diretto sul business anche nei casi in cui l’acquisto finale è fatto offline (ROPO, Research online, purchase offline). Il risultato? I premi assicurativi persuasi dalla ricerca in Rete valgono oggi 36 miliardi di euro, con una tendenza alla crescita.Un ruolo sempre più considerevole è svolto dai dispositivi mobili: già oggi 24 milioni di italiani utilizzano uno smartphone ed entro il 2018 saranno 37 milioni. Le ricerche di assicurazioni effettuate da smartphone (su auto, vita, salute, casa) sono cresciute in media del 155% all’anno negli ultimi sei anni. Però, guardando al mondo delle imprese assicurative, sono poche quelle che già utilizzano il digitale come leva strategica di impresa, per cogliere nuove opportunità di crescita e avere un reale impatto sugli indotti. Ancora oggi, ad esempio, alcuni dei principali gruppi assicurativi in Italia non hanno un sito pensato e sviluppato in maniera specifica per i device mobili. Solo sul fronte della prevenzione danni, stima il report, per le assicurazioni ci sarebbe la possibilità di aumentare i margini operativi fino al 2% dei premi sfruttando il digitale. Quello che vogliono e di cui sono alla ricerca i clienti assicurativi è un modello di relazione differente con la compagnia, plasmato su nuove aspettative e nuovi strumenti. Più della metà di chi in Italia possiede un’assicurazione danni dichiara di desiderare un’interazione con la propria compagnia sia di persona (attraverso un agente, un broker o una banca) sia tramite canale digitale. Giovanni Ciarlariello, Business Unit Director di Google afferma: “Viviamo in un’epoca in cui gli utenti finali hanno una maturità di utilizzo degli strumenti oggi resi disponibili dalla tecnologia mediamente superiore a quella di molte aziende. In particolare, gli italiani dimostrano una particolare affezione per la fruizione di contenuti digitali attraverso smartphone, con intensità di utilizzo comparabili con quelle di paesi del nord Europa che siamo soliti definire ‘maggiormente evoluti’. Purtroppo, a questa domanda in evoluzione esponenziale non corrisponde un’offerta di prodotti e servizi adeguati da parte della maggioranza delle compagnie assicurative. È arrivato il tempo di abbandonare vecchi schemi per costruire un rapporto diretto con i propri consumatori con risultati misurabili sulle performance del proprio territorio”.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI