Settembre Viterbese: tra tradizione, cultura ed innovazione

viterbo

Settembre viterbese con un cartellone di alto livello: Molti gli eventi sotto il segno di Expo che animeranno le festività di Santa Rosa 2015.

Un Settembre viterbese che è già cominciato, con le gremitissime cene in piazza dei Facchini, e che proseguirà fino ad ottobre inoltrato. A presentare la serie di eventi sono intervenuti in conferenza stampa il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini accompagnato dagli assessori Delli Iaconi e Barelli. “Quest’anno c’è un sentimento diverso, la consapevolezza che la manifestazione nel suo complesso ha assunto dimensioni inedite”, ha esordito Michelini. “Da anni si sta lavorando affinché Santa Rosa divenga evento di portata nazionale. Probabilmente la città non è ancora del tutto pronta a fronteggiare la prevista affluenza di visitatori” ha aggiunto il sindaco, in riferimento ai disservizi verificatisi nella distribuzione dei biglietti per le tribune. “La grande attenzione del pubblico nei confronti del Trasporto di quest’anno è motivata dalla novità del modello della Macchina, che si preannuncia memorabile; inoltre il riconoscimento da parte dell’Unesco, e l’esposizione della precedente Macchina ad Expo Milano ha sicuramente creato curiosità in chi finora non ne aveva mai sentito parlare”.

Intorno all’evento principale del Settembre viterbese, si è cercato di aggregare molteplici iniziative, che avessero però come denominatore comune l’attenzione nei confronti della città nel suo complesso. Assisteremo pertanto a concerti jazz, festival teatrali, congressi scientifici, eventi sportivi, mostre di pittura; potremo approfittare di appuntamenti gastronomici, che faranno riscoprire le nostre tradizioni storico-culinarie. Per il pubblico giovane è previsto un “silent party”, dove si ballerà e si ascolterà musica direttamente in cuffie individuali, secondo un recente trend. Nuova anche l’iniziativa denominata “Luce di Rosa”, per la quale la mattina del 3 settembre il Santo Padre benedirà una fiaccola e la consegnerà nelle mani di diciotto “messaggeri” che la porteranno a passo di corsa a Viterbo, in tempo per accendere simbolicamente il Trasporto 2015. il tutto a fare da corollario agli eventi tradizionali religiosi, attesissimi dai viterbesi, il trasporto delle Mini Macchine, la grande fiera mercato, il corteo storico, e naturalmente il Trasporto di “Gloria”.

foto di Donatella Agostini

LA LOCANDINA

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI