Teatro Null, “ApritiTuscia” al via con Ballate sul mondo e Pinocchio

Avvio ricco per la rassegna ApritiTuscia del Teatro Null con due appuntamenti, ricordiamo finanziata dalla Fondazione Carivit e dai Comuni che vi partecipano. Si parte sabato 2 luglio alle 21.15 da Gradoli, in piazza Palombini, con il recital “Ballate sul mondo” di Gianni Abbate, tratto dal suo libro pubblicato dall’editore Davide Ghaleb, che presentato in anteprima a Roma, ora sbarca nella Tuscia.

Ho utilizzato il lockdown per dedicarmi alla scrittura e così che nascono questi testi – dice l’autore –. La spietatezza, l’immoralità del potere, l’arroganza, la meschinità, ma anche l’impotenza di chi soggiace, vengono fuori in queste Ballate con qualche guizzo, qui e là, di voglia di cambiamento, rivolta, rivoluzione, il tutto condito da graffiante ironia e disincanto. Nell’ultima ballata, come a sigillo, appare una speranza, o forse un desiderio-sogno: ritrovare un nuovo inizio. Il musicista e compositore Salvo McGraffio, che ho coinvolto in questa avventura, è riuscito a creare le giuste atmosfere musicali per le ballate, dove le parole si intrecciano e danzano sulla sua musica, per poi fondersi in un tutt’uno.

Invece, domenica 3 luglio alle 18.00, ci ritroveremo alla Rocca dei Papi di Montefiascone dove presento ‘Pinocchio o il rifiuto di crescere’ insieme a Ennio Cuccuini. Cosa succede quando si affronta un racconto molto noto? E cosa succede quando analizzando il linguaggio si aprono nuovi punti di vista che lo rendono più intricato e dirompente? Questo e altro si ritrova in questo reading tratto dalla Filastrocca di Gianni Rodari dedicata al nostro burattino. La lunga, agile e vivace filastrocca di Rodari, usata per il nostro lavoro, è fedele al testo.

 

Nella foto, un dettaglio dell’immagine di Giancarlo Savino

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI