JazzUp Festival chiude l’edizione numero sedici

JazzUp Festival si conferma uno degli eventi musicali a cui il pubblico è più affezionato. Con una programmazione originale e articolata, quest’anno nella nuova cornice del Teatro San Leonardo, dal 5 al 10 agosto JazzUp ha offerto sei serate davvero di grandissimo livello musicale e jazzistico, con un cartellone ricco di nomi prestigiosi. Ormai appuntamento fisso dell’Estate Viterbese, pur avendo subito le conseguenze della pandemia Covid-19, l’evento ha portato a casa un’edizione di tutto rispetto con nomi del calibro di Nino Buonocore, Rosario Giuliani, Luciano Biondini, Cocco Cantini, Max Ionata e Felice Tazzini Trio, Luca Necciari quartetto, Pop Vibe Trio e Trio Kodec.

“Abbiamo vissuto un periodo davvero difficilissimo, ma abbiamo fatto del nostro meglio per portare ancora la musica di JazzUp a Viterbo. Abbiamo organizzato un’edizione di ri-partenza, per tornare a splendere nel 2022” ha dichiarato Giancarlo Necciari, ideatore e direttore artistico del festival. “Vorremmo ringraziare con stima ed affetto tutte le Istituzioni, gli Sponsor ed i Partner, che non hanno smesso di credere in noi ed in questo evento, così come il Sindaco di Viterbo Giovanni Arena, l’Amministrazione Comunale e Marco De Carolis, Assessore alla Cultura della Città di Viterbo”. Hanno dichiarato congiuntamente i direttori organizzativi Vaniel Maestosi e Glauco Almonte.

Lo stesso Assessore Marco De Carolis, intervenuto il 6 agosto, ha ammesso le difficoltà che questo periodo comporta soprattutto per gli eventi culturali: “Proprio per queste enormi difficoltà devo ringraziare due volte Giancarlo, Vaniel e Glauco, per essere riusciti in tempi strettissimi a realizzare un’edizione di grande livello, per un Festival che è quasi maggiorenne ed appartiene al tessuto di questa città. Lasciatemi anche ringraziare davvero con stima i gestori del Teatro San Leonardo, Giuseppe Berardino e Vanessa Sansone, per aver portato avanti con grande coraggio questo progetto in un’epoca complessa come questa”.

Durante questa sedicesima edizione due i prestigiosi premi assegnati: sabato 7 agosto il grande artista Nino Buonocore, prima del suo concerto, ha ricevuto il Premio Civico Zero Resort & Golf, dalle mani di Manfredi Genova che ha dichiarato “siamo felici di essere rimasti vicini ad una manifestazione come JazzUp Festival nonostante anche il nostro settore abbia subito pesanti ripercussioni dalla pandemia. Abbiamo dimostrato stasera che con tutti gli accorgimenti del caso, si possono realizzare eventi di livello come questo.”

Domenica 8 agosto il grande sassofonista Max Ionata, che per l’occasione ha suonato insieme al Felice Tazzini Trio un raffinato programma Jazz, ha ricevuto dal Sindaco Giovanni Arena il Premio Città di Viterbo. “da grande appassionato di jazz quale sono, mi rende molto felice che JazzUp non abbia mollato e che Giancarlo Necciari e tutta la sua squadra abbiano mantenuto vivo il loro entusiasmo”. Ha dichiarato il sindaco Arena dal palco del Teatro San Leonardo.

Nonostante le restrizioni imposte dalla ancora attuale situazione sanitaria, l’organizzazione di JazzUp ha saputo fronteggiare al meglio le difficoltà e l’evolversi repentino delle direttive governative, nella speranza di poter tornare nel 2022 a riempire di pubblico e di musica le più belle piazze di Viterbo.

JazzUp Festival è stato realizzato grazie al sostegno e al contributo di: Comune di Viterbo, Fondazione Carivit, Università della Tuscia, UIL Scuola Viterbo, Italiana Assicurazioni, Creval, Terme dei Papi, Menichelli Gioiellerie, Civico Zero Resort & Golf, Ambrosi Auto Group, Terme Salus, Caffè Fida, IDM Assicura, AEM Impianti, Fratelli Marmo, Centro Medico Bartoleschi, Manzi Petroli, Ergonet, Studio Dentistico Flavio Trapè, Carramusa Group, Etikart srl, Nautica Fiorò, Grotta di Sale Marta, Ottica Breccola.

Per informazioni, foto e video visita il sito www.jazzupfestival.it.

  

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI