Fargetta, Max Giusti e Ricchi e Poveri a Fabrica di Roma

Festeggiamenti in grande stile per la ormai prossima ricorrenza patronale di San Matteo e Giustino a Fabrica di Roma.
Nel programma organizzato dal Comitato in collaborazione con l’amministrazione comunale, ben tre appuntamenti di punta di diverso genere, dalla musica al cabaret.
Si comincia il 22 settembre con uno dei nomi più apprezzati dal pubblico giovanile, dj Fargetta che, animerà una vera e propria discoteca all’aperto ai Giardinetti in Largo Donatori di Sangue.
Fargetta è uno dei più affermati dj italiani, l’icona stessa della dance anni Novanta quando si impose tra i nomi di punta dell’emittente Radio Deejay con la trasmissione Deejay Time, il programma cult che divenne un punto di riferimento per i teenagers.
Da quell’esperienza la sua carriera è stata un crescendo di successi, con tante serate in consolle e milioni di dischi venduti tra l’Europa e gli USA.
La serata in programma a Fabrica si prospetta dunque come un momento musicale ad alti livelli che sicuramente sarà in grado di richiamare un gran numero di appassionati del genere.
Per tutti gli amanti della comicità verace invece da non mancare l’appuntamento di venerdì 23 alle 22. in località Le Vallette l’imperdibile spettacolo e musica di Max Giusti.
Sul palco il comico romano porterà i suoi personaggi noti e meno noti, da Elton John al cinese “tuttoauneuro”, in una girandola di aneddoti, monologhi e curiosità sul mondo della tv in grado di regalare due ore di sana allegria e di spassosa analisi sulle amare contraddizioni della vita moderna.
Sabato 24 settembre, infine, un live che non ha bisogno di presentazioni visto il calibro storico degli artisti che si esibiranno.
Sempre in località Le Vallette un concerto evergreen, quello dei Ricchi e Poveri.
Alcuni brani come La prima cosa bella, cantata in coppia a Sanremo con Nicola di Bari, Che sarà, nella straordinaria interpretazione con José Feliciano, e Sarà perché ti amo rappresentano delle vere e proprie pietre miliari della discografia tricolore.
Il concerto in programma a Fabrica sarà uno dei primi senza il “baffo” Franco Gatti.
Ragione di più per non perdere la svolta epocale in uno dei gruppi classici del panorama musicale nazionale.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI