Claudia Moroni: “Il turismo di prossimità protagonista della ripartenza”

“Il turismo di prossimità sarà ancora protagonista”. Nell’estate della ripartenza, Claudia Moroni, una delle più attive ed esperte guide turistiche di Tarquinia, si concede ai microfoni nell’ambito delle interviste allo stabilimento Gravisca.
“Dopo un anno davvero difficile per tutti in particolare per il settore turistico – afferma Claudia Moroni – ci stiamo riprendendo e speriamo di non doverci più fermare”.
Per l’estate 2021 la parola d’ordine sarà turismo di prossimità.
“Anche in questa estate – prosegue – il turismo di prossimità la farà da padrone. I flussi turistici dagli Stati Uniti sono ancora deboli, le restrizioni nel quadrante asiatico sono ancora forti, il settore crocieristico è appena ripartito ma per fortuna Tarquinia e più in generale la Tuscia hanno tutte le carte in regola per essere protagoniste con turismo regionale e locale”.

Tra i vari appuntamenti c’è anche Sapere e Sapore.

“Ogni venerdì dal 2 luglio fino al 3 settembre – aggiunge Claudia Moroni – proporrò un tour alla scoperta del patrimonio storico ed artistico di Tarquinia arricchite da aperitivi preparati dagli chef del ristorante Arcadia. Importante, a mio modo di vedere, è abbinare cultura e territorio, visite guidate e degustazioni in modo tale da non solo far apprezzare la bellezza ma mettere anche in contatto il turista con le realtà enogastronomiche del paese perché la collaborazione è alla base di ogni iniziativa tesa a valorizzare il territorio”.

Si parte con San Giacomo.

“Nel primo appuntamento (2 luglio) è previsto “Il tramonto a San Giacomo” per ammirare la parte più antica del centro storico e godere di uno dei panorami più belli tra il mare e le colline della Tuscia”.

Il progetto WeTarquinia.
“Insieme ad altre cinque imprenditrici – conclude Claudia Moroni – nel marzo 2020, abbiamo fondato WeTarquinia, un progetto ambizioso nato per creare un circuito di iniziative che permettano la promozione del territorio partendo dalla tutela e dalla valorizzazione del grande patrimonio culturale e naturale di Tarquinia”.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI