Bagnoregio, affollata la piazza per il messaggio sulla riduzione della plastica

A Castel Cellesi la prima festa completamente “biocompostabile”ha reso una significativa risposta. Tutti i rifiuti prodotti, tantissimi in tre giorni, diventeranno fertilizzante naturale per l’agricoltura. “Grazie a tutti per la grandissima collaborazione in questo primo esperimento che dal prossimo anno diventerà lo standard per tutte le cene e sagre di piazza del nostro Comune di Bagnoregio”. Le parole del sindaco Francesco Bigiotti.

Il comune di Bagnoregio sta lavorando sullo sviluppo di una strategia e un pacchetto di azioni che intendono riguardare il gioiello turistico di Civita ma con attenzione all’intero territorio: il paese di Bagnoregio e le frazioni. Obiettivo è ridurre l’utilizzo di materiale plastico, a partire dalle feste di piazza realizzate con il patrocinio del Comune.

“La nostra non è assolutamente una crociata contro la plastica, che in realtà è un materiale straordinario e che ha permesso di realizzare cose prima impensabili – spiega il sindaco Francesco Bigiotti -. Vogliamo però contrastare l’utilizzo di plastiche nel segmento dell’alimentare, dove c’è un abuso che sta causando danni seri all’ambiente. Soprattutto nei mari”.

Centinaia di persone hanno partecipato alle tre cene in piazza nella cornice di Castel Cellesi, sedendosi a tavola e utilizzando posate, piatti e bicchieri realizzati con il mais. Un bel messaggio di educazione alla tutela dell’ambiente. Perché la salute dell’ambiente è il primo passo da compiere per costruire una solida valorizzazione del territorio. Tutti i volontari della festa hanno indossato le maglie con il logo, appositamente realizzato, ‘Bagnoregio Plastic Free’ e quello dell’associazione internazionale A Plastic Planet.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI