Al via la seconda edizione dell’atteso Ombre Festival

Donatella Agostini

L’evento culturale viterbese che dall’8 al 15 luglio si proporrà di gettare nuova luce sulle ombre che caratterizzano diversi aspetti del nostro vivere quotidiano.Ombre Festival è stata presentata lunedi 3 luglio mattina in conferenza stampa dagli organizzatori, alla presenza degli assessori viterbesi Troncarelli e Delli Iaconi e del questore di Viterbo dott. Lorenzo Suraci. Moltissimi gli appuntamenti e gli incontri che caratterizzeranno le giornate del Festival, dedicato quest’anno a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. “Scegliamo ogni anno una suggestione che possa fare da filo conduttore ai dibattiti e alle riflessioni. Quest’anno il motivo portante sarà l’omertà”,  ha esordito Alessandro Maurizi, direttore del Festival  nonché presidente dell’Associazione “Mariano Romiti”, vero motore dell’evento. Omertà da non considerarsi soltanto nell’accezione mafiosa, ma anche come atteggiamento sociale trasversale, che Ombre Festival cercherà di esaminare in tutte le sue possibili declinazioni, compresa quella che circonda la violenza di genere. Un calendario fitto di appuntamenti con autori prestigiosi della narrativa noir e gialla: Marcello Simoni, Flavio Santi, Margherita Oggero e tanti altri, intervallati da incontri con personaggi in prima linea nella lotta al crimine, come il questore di Palermo Renato Cortese, il capo della Polizia di Stato Franco Gabrielli, i magistrati Giuseppe Ayala, Giancarlo Caselli e Nicola Gratteri. Attese anche Lucia Annibali, la giovane vittima di violenza con l’acido, Tina Montinaro, vedova di Antonio caposcorta di Falcone, e Roberta Bellesini, vedova di Giorgio Faletti. E ancora l’incontro con il fondatore di Libera don Luigi Ciotti e con il giornalista Magdi Allam. E ancora, mostre fotografiche, spettacoli teatrali e di danza. Durante il Festival, verrà esposta nel Cortile di Palazzo dei Priori la Citroen Mehari di Giancarlo Siani, il giornalista ucciso dalla camorra. “Abbiamo creato un programma ricco ed importante che è il giusto tributo a due giganti come Falcone e Borsellino. Scegliere di dedicare il Festival a loro è stata un’iniziativa coraggiosa: non potevamo fare nulla di meno”, ha continuato Maurizi. “Due personaggi che sono stati un vero e proprio spartiacque nella vita giudiziaria italiana. Prima di loro i processi a carico della criminalità organizzata finivano generalmente con assoluzioni o con annullamenti. Ma nel gennaio del ’93 la sentenza della Cassazione stabilì che i mafiosi avrebbero dovuto scontare tutte le pene a loro carico: una sentenza di morte nei confronti dei due giudici. Che infatti furono uccisi pochi mesi dopo. Ma ormai l’Italia era cambiata, e con essa la visione che si aveva della mafia, della ndrangheta e della camorra”. Durante tutta la durata del Festival, la facciata della Prefettura in piazza del Plebiscito, luogo deputato agli incontri, sarà illuminata con una gigantografia di Falcone e Borsellino. Nella serata di lunedì 10 luglio verrà conferito il premio Romiti Junior, riservato agli studenti degli istituti superiori della provincia che si sono cimentati nella scrittura di racconti gialli o noir sul tema dell’omertà. I ragazzi saranno particolarmente coinvolti anche con interviste che faranno loro stessi e che saranno in diretta sui principali social. Presente alla conferenza stampa anche il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti, che ha presentato il concerto della Banda della Polizia di Stato, evento di Ombre che si terrà nell’inimitabile cornice di Civita, con la partecipazione dell’attore Luca Barbareschi. “Definirla Banda è riduttivo: è una vera e propria orchestra che suonerà nel palcoscenico unico al mondo della Città che muore. Il tutto malgrado le intuibili difficoltà logistiche. Ma nell’ottica del percorso di qualità che sta facendo la mia città, l’appuntamento di Ombre Festival non poteva mancare di certo”. Infine, l’intervento di Antonio Delli Iaconi, assessore alla Cultura del Comune di Viterbo. “Ombre Festival è una manifestazione giovane, ma ha già conseguito un successo rilevante, tanto da ottenere il riconoscimento dalla Regione Lazio. Importante è il modo in cui è mantenuto l’equilibrio fra rigore scientifico e vigore letterario. Meritate i complimenti da parte della città intera”.

www.ombrefestival.it

www.associazionemarianoromiti.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI