L’amore a domicilio di Emiliano Corapi, una commedia brillante che ci spinge a metterci in gioco

di Nicole Chiassarini

L’amore a domicilio è il nuovo film di Emiliano Corapi, distribuito da Adler Entertainment e disponibile su Amazon Prime Video. Una commedia sentimentale non banale con Miriam Leone e Simone Liberati, inedita originale e ben scritta.
In una Roma solare e vivace, Renato è uno dei tanti lavoratori precari del mondo di oggi: vende pensioni integrative e polizze vita, porta a porta o in mezzo alla strada, a chiunque capiti. Un giorno incontra per strada Anna, che gli chiede, piuttosto insistentemente, un passaggio verso casa. Arrivati a casa, un po’ per caso e un po’ per desiderio, tra i due scoppia la passione.
Quando suonano alla porta, e appare un poliziotto, Renato capisce: Anna è agli arresti domiciliari per rapina a mano armata. Renato, dopo un’iniziale diffidenza, si getta a capofitto nella storia.
L’amore a domicilio di Corapi è un film che rappresenta la paura di amare e di mettersi in gioco nei rapporti affettivi, insita in ciascuno di noi. Una particolare commedia romantica che sceglie di raccontare la costruzione di un amore attraverso una spericolata avventura metropolitana tra ritorni di vecchi amanti e rocambolesche vocazioni criminali.
La sceneggiatura semplice ed equilibrata, vive di contrasti, raccontandoci l’ordinario e lo straordinario attraverso i due protagonisti che si incontrano per caso, e dopo tante difficoltà, finiscono per amarsi davvero. Una vera e propria commedia in stile americano, ma che non manca di aggiungere il dramma e un pizzico di crime.

Regista di numerosi cortometraggi, Emiliano Corapi riesce perfettamente, nei primi quindici minuti di film, a creare una storia quasi autosufficiente, ma che decide di aprirsi e raccontare molto di più senza perdere il suo fascino iniziale. In questo il regista non sceglie una strada semplice da percorrere, proponendoci un tipo di commedia alla boy meets girl e incrociandola con inaspettati sprazzi di heist movie.
La fotografia è riscaldata dai filtri di Vladan Radovic, e si avvicina a cromatismi di una nuova favola urbana aggiungendo colori vivi e rassicuranti come l’azzurro, che potrebbero, in futuro, direzionare la pellicola verso orizzonti internazionali.
Il film, benché possa sembrare molto semplice, funziona perfettamente grazie a una serie di situazioni sorprendenti che non fanno mai perdere la credibilità ai due protagonisti, che mostrano un’incredibile e inaspettata alchimia.
Il cast infatti è ottimo. Simone Liberati, reduce dopo essere comparso in grandi titoli, veste in maniera ineccepibile i panni di un uomo che vive con il freno a mano tirato; Miriam leone, attraverso un voluto accento siciliano, è perfetta nei panni di una giovane donna difficile, vulnerabile e intensa.
Non si possono non citare Fabrizio Rongione, nel ruolo dell’outsider Franco, attore cult che si mostra in chiave inedita ed esilarante; anche Renato Marchetti, nei panni del padre di Renato, e Anna Ferruzzo, nei panni di Silvana, la madre di Anna, ci mostrano, nelle loro piccole parti, due grandi performance.
Con L’amore a domicilio, Emiliano Corapi decide di intraprendere un percorso che vede generi diversi, dimostrando di possedere tutti i mezzi necessari per creare una sceneggiatura equilibrata e dare vita a dei personaggi complessi, anche grazie all’aiuto di un ottimo cast.
Il film, disponibile su Amazon Prime Video è una commedia originale e brillante che vive in bilico tra surreale e reale, senza mai cadere nella banalità.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI