Infortuni e malattie professionali, per la settimana europea della salute e sicurezza sul lavoro

In occasione della settimana europea della salute e sicurezza sul lavoro, la unità operativa Presal della Asl di Viterbo, Prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro, diretta da Augusto Quercia, organizza tre eventi dedicati alla informazione sull’andamento degli infortuni e delle malattie professionali nella provincia di Viterbo, sulle principali attività di prevenzione attuate e sulle proposte di azioni future. Gli eventi si svolgeranno da martedì 22 a giovedì 24 ottobre.

 

Primo appuntamento martedì 22 ottobre, alle ore 15.00 presso la sala riunioni della Cittadella della Salute, piano 1, con un incontro nel quale saranno illustrati i dati disponibili da varie fonti sugli infortuni e le malattie professionali e sarà proposta una lettura condivisa tra Inail e Asl. Nel corso del pomeriggio saranno, inoltre, presentati dati e riflessioni sulle attività di prevenzione nel settore delle costruzioni, con interventi degli enti bilaterali, di Rlst e delle parti sociali.

 

Mercoledì 23, presso la sala vescovile di Civita Castellana, alle ore 15.00 – spiega Augusto Quercia – saranno presentati i dati disponibili sulle malattie professionali nel comparto della ceramica, con l’obiettivo di avviare un piano mirato di prevenzione in ceramica e attivare da subito un tavolo tecnico per l’individuazione di buone pratiche e soluzioni per abbattere i rischi presenti”.

 

Infine giovedì 24 ottobre, nell’aula magna dell’Università della Tuscia, a partire dalle ore 9.00 si svolgerà la giornata di studio “Safety Day 2019”, sul tema dei rischi in agricoltura e, in particolare, nei lavori agro-forestali. L’iniziativa è organizzata dalla Regione Lazio, dalla Asl di Viterbo, dall’Associazione italiana di ingegneria agraria (5a sezione) e dal Laboratorio di ergonomia e sicurezza e del lavoro del dipartimento di Scienze agrarie e forestali dell’Università della Tuscia. Il tema della giornata sarà “La sicurezza e la salute sul lavoro nel settore agro-forestale”, caratterizzato da elevata frequenza e gravità degli infortuni e da rilevanti rischi per la salute dei lavoratori e, non raramente, dalla presenza di forme di lavoro irregolare.

 

Una specifica sessione – conclude Quercia – sarà condotta dall’assessore regionale al lavoro, Claudio Di Berardino, che illustrerà le politiche della Regione Lazio per la prevenzione degli incidenti sui loghi di lavoro. L’iniziativa vedrà la partecipazione di numerosi partners istituzionali (tra questi Itl, Gruppo Carabinieri Forestali) e delle parti sociali. Seguirà una sessione tecnica per analizzare i principali rischi, le possibili soluzioni e le azioni da mettere in campo”.

 

La settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, promossa dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, si svolge ogni anno nel mese di ottobre, con centinaia di eventi di sensibilizzazione realizzati in tutta l’Unione europea. La manifestazione mira a sensibilizzare in merito all’importanza di una gestione attiva e partecipativa della salute e sicurezza dei lavoratori e giunge al termine di una campagna che, nel 2018-2019, si è focalizzata sulla presenza di sostanze pericolose nei luoghi di lavoro. I lavoratori di ogni settore sono potenzialmente a rischio di esposizione alle sostanze pericolose e, nel complesso, il 38% delle aziende europee segnala la presenza di sostanze chimiche o biologiche potenzialmente pericolose nei propri ambienti di lavoro. Pertanto, è fondamentale che i rischi siano individuati e gestiti.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI