I Pomeriggi Touring 2018, si sono conclusi con i Canti di Latera

“…quando corpus morietur fac ut animae  donetur paradisi gloria”. I Pomeriggi Touring 2018, promossi dal consolato Touring Club, si sono conclusi a palazzo Brugiotti di Viterbo con  questa sequenza dello Stabat Mater di Iacopone da Todi cantata a memoria, da secoli, senza l’aiuto del pentagramma,  da sette voci maschili del coro delle Confraternite di Latera (SS. Sacramento, Misericordia e Madonna) davanti ad un pubblico sorpreso, ammutolito e incuriosito. Perché?  Ce lo ha spiegato con dovizia di particolari don Emanuele Germani chiamato dal console Touring Vincenzo Ceniti a chiudere il ciclo di conferenze sulle Confraternite avviato all’inizio dell’anno  su un tema apparentemente polveroso, che sa di storia, tradizioni, ritualità e,  nel contempo, di viva attualità. Queste  associazioni di laici sorte  intorno all’anno Mille (ma forse anche prima) all’ombra del campanile, vivaci soprattutto nei piccoli centri, assicurano ancora oggi,  con metodi e linguaggi diversi quel  senso di appartenenza, solidarietà ed identità che è innato in ognuno di noi. Ce lo hanno fatto chiaramente intendere i relatori che si sono avvicendati nei vari incontri da Gennaio  ad oggi. Luciano Osbat (documenti alla mano da par suo),  Colombo Bastianelli (priore della Confraternita del S. Rosario e del SS. Sacramento di San Martino al Cimino), Bonafede Mancini di Onano (si deve alle Confraternite della vicina Valentano  il recupero e il restauro di una tela seicentesca della Madonna del Rosario), Marcello Arduini (sorprende il numero di Madonne vestite, accudite nei vari paesi) e don Emanuele, peraltro originario di Latera, che con il sostegno di un leader musicale come Dario Tramontana ci ha fatto il regalo di ascoltare di nuovo, dal vivo,  i canti del Christus, Miserere e Stabat Mater  che accompagnano la processione del Venerdì Santo in questo appartato paese dell’Alto Lazio. “La paraliturgia processionale di Latera – apprendiamo dalla lettura di una riflessione dell’etnomusicologo Piero Arcangeli (per la voce di Veronica Lupino)  costituisce una notevole eccezione alla perdita di fonti riguardo ai canti contadini di lavoro o di intrattenimento”. Va ricordato che il Touring Club di Viterbo nel 2011, in collaborazione con la diocesi di Viterbo, ha fatto registrare i canti di Latera alla Discoteca di Stato.

Touring Club

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI