Fatmir, una storia di rinascita e di affermazione

Presentato martedì 23 gennaio al Cafè Lux il libro “Fatmir”, che in Cossovaro significa buona fortuna”, l’opera personale del fotografo Vittorio Faggiani. Una storia di vita e, come piace dire all’autore, una storia di rinascita e di affermazione.
Scaturisce dalla conoscenza, poi amicizia, che unisce l’autore al protagonista del libro, Fatmir Kruezi, paraplegico dall’età di 16 anni.
Ci sono storie, emozioni, vicende umane che, per la loro intensità, le parole faticano a uscire o non riescono a raccontare a pieno.A questo vengono in soccorso le immagini.Ci sono storie raccontate con le immagini rendono la narrazione immediata ed efficace.
E’ in questo modo che va interpretato il libro di Vittorio Faggiani, dove la vicenda di un ragazzino, oggi giovane uomo, è narrata in quaranta scatti, ciascuno dei quali la comprende tutta, talvolta tramite un piccolo dettaglio, talvolta con campi ampi che colgono le connotazioni dell’intero contesto: la famiglia di origine, il lavoro presso la Stilhaus di Viterbo, la vita domestica, lo sport …
Colpisce la forza e, nel contempo, la delicatezza con cui è condotto il racconto fotograficoe la visione serena e positiva nella quale si evolve un evento di per sé grave, tragico. Tutto è reale, ma turbamenti e preoccupazioni sfumano e si risolvono in un modello di vita pieno e ricco. Ne scaturisce un approccio culturale nuovo al comune modo di intendere la disabilità, punto di partenza fondamentale per superare i limiti dell’emarginazione.
La presentazione del libro, introdotta dalla lettura vigorosa del docente di dizione e di recitazione Paolo Manganiello, è stata realizzata dall’autore in collaborazione con l’A.S.D. di volontariato Vitersport, di cui Fatmir Kruezi è un apprezzato atleta.
L’incontro della Vitersport con la fotografia di qualità ha avuto inizio nel 2008 ed ha sempre prodotto risultati speciali.
Ne sono testimoni le tre le mostre realizzate nel tempo: “Bella comunque, donna comunque” , marzo del 2009, personale del fotografo Giovanni Firmani, dedicata, in occasione della festa della donna, alla bellezza diversa; “Energie” nel 2011 e “Tanti per tutti” nel 2016, collettive realizzate dai fotografi dell’ Associazione Culturale “Gruppo Fotografico Magazzino 120”, rispettivamente sullo sport paralimpico e sul volontariato.
Le tre esperienze hanno presentato la disabilità e il mondo paralimpico con la forza e l’efficacia degli scatti di qualità. Hanno prodotto, inoltre, un prezioso materiale documentario, fruibile in vari contesti.
L’opera, selezionata alla XII Edizione “Creiamo ai tuoi occhi” – Sezione Autoedizioni del Centro Italiano della Fotografia d’Autore – settembre-novembre 2017, ha riscosso il caloroso apprezzamento dei presenti, tra i quali molti esperti di fotografia.
Vittorio Faggiani per avere prodotto il bel libro, con un impegno tanto attento e scrupoloso, con passione artistica.
Fatmir Kruezi ha accettato di farsi raccontare, con la sua consueta serenità e con il suo sorriso, portando agli occhi di tutti il valore della disabilità, per saperla riconoscere e rispettare.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI