9 C
Viterbo
mercoledì, dicembre 2, 2020

Siamo naufraghi nel mare della rete? Francesca Capaccio ne parla in Naufraghi virtuali

Siamo tutti naufraghi nel mare della rete o possiamo trovare ancore e scialuppe di salvataggio? Qual è il contesto storico-culturale che ci circonda? E i giovani da quale mutamento antropologico sono colti? Ma soprattutto la Chiesa come può trasmettere il suo messaggio nell’era digitale?

Queste sono solo alcune delle domande a cui si cercherà di rispondere partendo dal personale studio sui giovani, la Chiesa e il web di Francesca Capaccio, nel suo libro Naufraghi virtuali. Sarà presentato sabato 7 aprile alle 17.00 presso la Biblioteca comunale di Sant’Oreste.

Un saggio sul “mondo liquido” del Web, sul tempo della tecnica e del potere strumentale ma anche dell’inevitabile rischio della negazione dell’uomo. La rivoluzione digitale ha trascinato l’uomo e le sue relazioni verso il “mondo liquido”. I giovani e gli adolescenti sono i primi imbrigliati in questa rete. L’ospite più pericoloso di questa nuova “residenza” è il nichilismo, la negazione dei valori e dell’uomo stesso. Lo studio analizza questo fenomeno con oggettività ed empatia e propone uno spazio di comunicazione fra i nativi digitali e la Chiesa.

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

07 Apr 2018

Ora

17:00

Luogo

Sant'Oreste.
Categoria